Cosenza, oggi l’inaugurazione del Concept Design Festival

Bata - Via Roma - Acri

Si inaugura il 22 settembre alle ore 17 presso la Galleria Nazionale di Palazzo Arnone a Cosenza, la prima edizione di Concept Design Festival, un evento culturale, espositivo, di ricerca, promosso e organizzato dalla Società Scientifica Riagita, con la collaborazione di enti, istituzioni, aziende di settore, finalizzato a dare voce e visibilità alle Arti contemporanee: design, architettura, grafica, illustrazione e fotografia.

I curatori della rassegna, gli architetti Rosanna Algieri, Domenico De Rito G. e Pino Scaglione  (quest’ultimo docente dell’Università di Trento), hanno pensato alla rassegna tra cultura e modelli innovativi che, coniugando bellezza, utilità, sensibilità a bisogni e relazioni, sono capaci di anticipare – attraverso il design- sia presente che futuro ecologici. 

Cosenza è la città appunto designata ad ospitare in partenza, tra settembre e ottobre, questo primo anno di Concept Design FestivalL’iniziativa fa capo alla realizzazione del progetto mee.D Academymediterranean ethical ecological Design Academy,una Scuola di Ecological Design che promuove una nuova prospettiva di formazione e un circuito di eventi, a cura di RiAgita, Società Scientifica per la cultura del progetto, con attività che coinvolgono il capoluogo bruzio insieme a realtà limitrofe e altre regioni del Sud. 

Il motto adottato è una frase del grande architetto italiano Giò Ponti, “Amate l’architettura, perché l’Italia l’ha fatta per metà Dio, per metà gli architetti”, con l’idea di realizzare a Cosenza “il Salone di un altro mobile: arte, design, architettura, città”,  attraverso esposizioni, attività, installazioni, incontri, percorsi e visite guidate per sancire, da subito, la centralità di questa iniziativa calabrese nel contesto regionale e della macroregione del Sud, con Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia. 

Si tratta di una scommessa importante che, per questa prima edizione, ruota intorno all’idea di Concept, termine ampio e ibrido, che presuppone libertà di pensiero e che in qualunque ambito indica innanzitutto il primo passo di un processo creativo: quel concepire un’opera, sviluppare un percorso, avere contezza del presente e alimentare visioni del futuro. 

In Calabria, terra scelta non a caso perché ricca di bellezze e potenzialità nascoste o perdute, misconosciute, con molto talento disperso, il Festival intende far emergere e valorizzare, tenere vivo le energie, le opportunità, le proposte, le collaborazioni tra progetto e produzione, creazione e realizzazione, con uno sguardo molto attento e attuale – nonché necessario – ai temi dell’etica, dell’ecologia, per uno sviluppo sostenibile. 

Il Design Mediterraneo, dunque, nella sua dimensione ambientale, in tutte le sue declinazioni: culturale, socio-politica, economica, legate ai territori e alle comunità. Concept, perché al Sud occorre ricominciare da qui, dal Sud.

Un Design capace di riprendere in mano le sorti del pianeta, partendo, questa volta, proprio da Cosenza, piccola città del Sud, orgogliosa del proprio passato culturale, che vanta al suo interno, come anche nella sua ampia provincia, un buon numero di imprese artigiane, piccole manifatture, scuole d’arte, musei e collezioni, e un importante patrimonio storico e architettonico. Inoltre, Cosenza vanta testimonianze di un elegante Architettura del Modernismo, che ben si prestano ad accogliere le diverse mostre tematiche, gli eventi, i seminari che di volta in volta il Festival propone. 

Concept OUT_Festival: un itinerario in città

Concept OUT, è elemento portante del Design Festival: dal prossimo anno, nel 2023, gli showroom, negozi, concept-store, laboratori artigianali e gallerie della città saranno nuovi spazi espositivi per una fruizione diffusa della bellezza. Momenti di confronto e di formazione si terranno in diversi luoghi iconici della città, con la parola a protagonisti del mondo creativo e delle aziende, tra cui designer, architetti, urbanisti, industriali provenienti dal resto d’Italia. 

Premio Concept | Sistema Design Calabria

In occasione della prima edizione del festival verrà lanciato il Premio Concept, un riconoscimento di valore ad iniziative innovative in grado di produrre cambiamenti nell’ambiente urbano, nel design, nella comunicazione, nell’arte, per stimolare in Calabria e al Sud, percorsi d’innovazione, di ricerca nel mondo del progetto e delle produzioni. 

Tema di questa edizione: Superecologic!

Gli architetti, gli urbanisti, i designer, gli artisti, chi produce, dall’artigiano all’impresa, dal muratore al costruttore, dovranno essere capaci di mettere da parte ipocrisie, abbandonare gli schemi ideologici, al contrario entrare in una dimensione in cui la praticità delle soluzioni progettuali, siano a portata di mano e per tutti, ecologiche perché realmente vicine all’abitare e all’essere umano.  

Occorre tornare ad apprendere dalla tradizione, con l’obiettivo di renderla attuale: linguaggio, tecnologia, memoria, per rendere efficace una progettazione contemporanea, meno sofisticata, più naturale, più attenta al clima, ai sistemi ecologici, alle persone!

“Il Salone di un altro mobile”

Spazi per le aziende: visibilità e opportunità di contatti, espositive, seminariali, workshop, turismo culturale, tutto questo perché il desiderio dei curatori è valorizzare il territorio e le aziende che si impegnano sul fronte della sensibilità ambientale, ecco perché lo slogan “IL SALONE DI UN ALTRO MOBILE!”, ovvero una selezione di prodotti realmente ecologici, ma non privi di alte qualità estetiche, e prodotti durevoli nel tempo.

Mostre, Seminari 

Un percorso espositivo di mostre della Galleria Nazionale di Palazzo Arnone

La mostra, nei suggestivi spazi di Palazzo Arnone, si inaugura il 22 settembre, con una discussione sulla necessità di un distretto del Design Ecologico a Cosenza. Poi l’esposizione si concentra sul design classico e con materiali riciclati e riciclabili. Prosegue con la prima parte, al piano terra della Galleria, de “La natura radicale”, ovvero il lavoro artistico sul corpo femminile come impronta ecologica, di Adele Ceraudo, e al piano superiore, nei diversi ambienti sono con gli artisti, Donatella Pinocci, Flavio Tiberio Petricca, Giulio Telarico, Raha Vismeh, invitati alla rassegna, per interpretare il tema del rapporto tra uomo, ambiente, natura. Negli stessi spazi, a seguire nell’itinerario, oggetti e prodotti di design classico, descrivono la recente traiettoria dal mobile moderno ad oggi, per poi proseguire con altre installazioni che fanno riflettere sul tema di questa edizione di Concept Design Festival: “Superecologic!”.  Un Manifesto espositivo, intorno alla Grafica, Design, Architettura, Fotografia vede protagonisti, Cose Belle Festival, Lanificio Leo, Lina Malfona, Netti Architetti, Aldo Presta, Ovo Design, Studiocharlie, Studio Gum, Kiasmo, Luca Chistè, Marica Greco, Marco Introini.

Aziende del mondo del Design come Vitra, Molteni, Egoitaliano, Flos, tra le altre selezionate, scendono a Cosenza a mostrare i loro pezzi di “design durevole” senza tempo e che non si butta mai, così come tutte le ricerche su prodotti ecologici, ma ci sono anche i Fratelli Cesario, di Cosenza, con la loro Casa Ecologica, La Viessmann colosso italo tedesco del Comfort Energetico, il Design selezionato dello Show Room di Serafino Mazzei e la 500 elettrica di Fiat-Carlomagno, di Rende, le facciate autopulenti di Casalgrande Padana e ancora altri prodotti. 

L’architettura, la fotografia, la grafica, l’illustrazionearricchiscono i seminari, in collaborazione con gli Ordini professionali, a partire dal 22 settembre e fino al 28 ottobre, inclusa una conferenza sulla cattedrale e la città, dedicata a questo complesso e affascinante rapporto nei suoi ottocento anni di vita di cui si sta celebrando l’anniversario proprio in questo 2022.

Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!