Cum’è bella a natura

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Cum’è bella a natura
 
Quann’era ppittirillu, mi ricùardu,
ssa fotografia e mmèai mi scùardu
e quanni duvi i nonni mi nni jìa
alla campagna e ssu pajisu mia.
 
Mi stèava uri e d’uri avant’a porta,
a d’ammirèari a vita, e ppur’a morta
e da natura, ch’è nna fotografia,
sentìti, ca vu cuntu , cchi bidìa:
 
C’è nnu chèanu, chi n’ùassu sta orbicanni,
na ducerta, chi si sta assudicchianni,
na padummella, chi si spuna intr’ì capilli,
fìschcani i mìarudi e ccàntani i cardilli.
 
C’è nna furmica ccu nna mullica e pèanu,
n’èatra ccu nnu coccitìallu e rèanu,
nu suricicchiu, va lla rèasa rèasa,
na gattarella, ll’aspetta arrìati a chèasa.
 
Na gallina, carcarìa c’ha ffattu d’ùavu,
nu ragnu, intra na gaglia ha ffattu lu ritrùavu,
nu scaravèajiu ccu nna palloccia e crita,
nu muscagliùnu a nna cammisa e sita.
 
Schchèama n’avunìallu, vo llu dattu,
c’è nn’èatru chèanu chi sècuta nnu gattu,
na ciuccia a cchiù dde n’ura sta rraglianni,
i voji, assìami i vacchi, si stèani abbivaranni.
 
U gattu e di vicini, ccu nnu cursunu mùartu,
nu tupinèaru, sta rrivullìanni d’ùartu,
nu sùrici è ppizzichèatu alla taglioda,
c’è nna fùarpici a nna pàmpina e schcaroda.
 
Cum’era bìallu ammirèari tuttu chissu ,
cchi gudìu e jiri lla allu spissu,
ppe ammirèari chilla fotografia,
e da natura, e duvi i nonni mìa.
 
 
Come è bella la natura
 
Quand’ero piccolino, mi ricordo,
questa fotografia, e mai mi scorderò
di quando andavo dai nonni
nella campagna di questo mio paese.
 
Mi stavo ore e ore davanti l’uscio,
ad ammirare la vita e anche la morte,
della natura, che è fotografia,
sentite, vi racconto cosa vedevo:
 
C’è un cane che un osso sta nascondendo,
una lucertola si sta riscaldando al sole,
una farfalla si posa tra i capelli,
fischiano i merli e cantano i cardelli.
 
C’è una formica con una briciola di pane,
un’altra con un chicco di grano,
un topolino cammina lungo il ciglio,
un gattino lo aspetta dietro casa.
 
Una gallina avvisa che ha fatto l’uovo,
un ragno, in un buco ha fatto la sua casa,
uno scarabeo è con una pallina di creta,
un moscone e su una camicia di seta.
 
Bela un capretto, vuole il latte,
c’è un altro cane che rincorre un gatto,
un asino da più di un’ora sta ragliando,
i buoi con le mucche, si stanno abbeverando.
 
Il gatto dei vicini, ha un serpente morto,
una talpa, sta distruggendo l’orto,
un topo è catturato alla tagliola,
una forbice è su una foglia di lattuga.
 
Com’era bello ammirare tutto ciò,
che voglia! Di andare la spesso
per ammirare quella fotografia,
della natura, dai nonni miei.

Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!