Nannuzzu cuntìantu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Nannuzzu cuntìantu
 
Era mmisu allu friscu e nu ditiarnu,
‘ntrizzèava jungi e ffacìa nu panarìallu,
ppe ci cògliari i nuci e chillu vìarnu,
alla manca e du “Cucuzzìallu”.
 
Era stancu nannuzzu, chjichèatu e schchina,
ugne ttanti dassèava e ss’abbendèava,
inchjìa dde tabaccu na cartina,
e cchillu fumu u facìa ddicrijèari.
 
Guardèava chilli terri coderusu,
e quanti zappunèati chi ci ha ddèatu,
e mmo ch’e da zappa è ppersu d’usu,
jùarnu doppi jùarnu c’è abbannunèatu.
 
Penzèava chillu majisu riccu e sapuri,
d’acquèaru annettèatu e di ruvetti,
d’aria profumèata e cìantu orduri,
d’àrburi e frutti putèati ccu lli ccetti.
 
Penzanni penzanni, i jungi ammancàvani,
e ccu lli mèani ‘ntrizzanni u panèaru criscìa,
d’acìalli fischcanni e du cìadu ammiràvani,
nannuzzu cuntìantu, duvi d’àngiudi jia.
Nonnino felice
 
Si era messo all’ombra di un alaterno,
intrecciava giunchi e faceva un paniere,
per raccoglierci le noci di quell’inverno,
alla quota del “Cocozzello”.
 
Era stanco nonnino, piegato con la schiena,
ogni tanto smetteva e si riposava,
riempiva di tabacco una cartina,
e quel fumo lo faceva divertire.
 
Ammirava quei terreni malinconico,
delle tante zappate date,
e ora che della zappa si è perso l’uso,
giorno dopo giorno c’e abbandono.
 
Pensava quel maggese pieno di sapori,
lo scolo per l’acqua pulito dalle spine,
l’aria profumata da cento odori,
gli alberi da frutto, potati con le accette.
 
Pensando pensando, i giunchi diminuivano,
e con le mani intrecciando, il paniere cresceva
gli uccelli fischiando, dal cielo osservavano,
nonnino contento, dagli angeli andava.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!