A nottèata

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
A nottèata
 
A notti mi risbigliu e tutti d’uri,
ppe bidari si figliuma è rricùatu;
camignu chieanu chiean’u muru muru,
mma viju ca lu dìatt’è ancora vùatu.
 
È ll’una i dua i trhia e cchissu nenti,
mi gir’e mmi rigir’intra ssu dìattu;
mo sacciu cchi mmi passa ppe lla menti,
mo dùarmu, mma maghèari mo ll’aspìattu.
 
Vers’i cincu pu maritima si susa,
e cquanni doppi sta ppe jjir’a ffatighèari
aspetta ppe rricevari na scusa,
ca vers’a porta senta ccaminèari.
 
“Si rricùatu finarmenti, su lli sia”!
“oji pà, iu u nne fattu nent’e mèadu”
“mma cca fattu tutt’a notti figliu mia?”
“signu stèatu ccu ll’amici a d’abballèari,
 
abbrazzèatu strintu strintu ccu ll’amèata
e d’eccu ca la notti me budèata”.
La nottata
 
La notte mi sveglio ogni ora
per vedere se mio figlio è rincasato
cammino piano piano lungo il muro
ma vedo che il letto è ancora vuoto.
 
È l’una le due le tre e lui niente
mi giro e mi rigiro in questo letto
non so cosa mi passa per la mente
adesso dormo ma magari adesso l’aspetto.
 
Verso le cinque poi mio marito si alza
e quando dopo sta per andare a lavoro
aspetta per ricevere una scusa
perché verso la porta sente camminare.
 
” Sei arrivato finalmente sono le sei
“caro papà io non ho fatto niente di male”
“ma cosa hai fatto tutta la notte figlio mio”
” sono stato con gli amici a ballare
 
abbracciato stretto stretto con l’amata
ed ecco che la notte mi è volata”.
 
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!