A cantina e “Cozzudinu”

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
A cantina e “Cozzudinu”
 
Tìampu fa a ssu pajisi mia,
quanni u sàpatu venìa
u fatigaturu e llu penzionèatu
jìani a ccàccia e “travasèatu”.
 
E ssi vodìani vìvari bùanu vinu,
alla cantina e “Cozzudinu”,
tìampu fa avìani e jiri
nu ditru? Setticiantu diri.
 
Cci trovèava sempri chjinu,
ppe ppijèari nu “tombinu”
na “pica” o na “pirucca”
e a ncunu ll’escìa dda vucca!
 
Allu jiri èrani pimpanti e ttisi,
na battuta e ttanti risi
quann’èrani curmi, mamma mia!
Cursunijàvani a via via!
 
Lla cci jìani e tutti i carsi,
ugne rrèasa giacchi sparsi
ccu llu sudu o u meadutiampu,
era nnu veru passatìampu.
 
Allu tàvudu e du trissetti,
jocàvani vìacchi ccu lli todetti
chini vincìa jia alla vutta,
e ccu lla cannèata, “patrunu e ssutta”.
 
All’apìartu i meni anzijèani,
ccu nna bòccia alli mèani
o truccàvani o jìani a ppuntu
u cchiù sbrignu tenìa llu cuntu.
 
Tanni era ttanta l’allegria,
intra a cantina e mmenz’a via,
e ssi passèava lla sirèata
doppi na simèana fatighèata.
 
Chissu era nu passatìampu e tanni
i carti, i bocci e llu vinu e anni,
e ottobri fina a ddoppi mèaiu
e ssi scordàvani ncunu gueaiu.
 
Ca i gueai si scòrdani ccu llu vinu
e allura … sia benadittu “Cozzudinu”!!
 
Tombino, pica, pirucca (Traduz. di sbornia)
La cantina di “Cozzolino”
 
Tempo fa in questo mio paese,
quando il sabato arrivava
il lavoratore e il pensionato
andavano a caccia di “travasato”
 
e se volevano bere del buon vino,
alla cantina di “Cozzolino”,
tempo fa dovevano andare
un litro? Settecento lire!
 
Vi trovavi sempre pieno,
per prendere un “tombino”
una “pica” o una “pirucca”
e a qualcuno gli usciva dalla bocca!
 
Nell’andare erano pimpanti e dritti,
una battuta e tante risate
quand’erano colmi, mamma mia!
Zigzagavano lungo la via!
 
Li andavano di tutte le età,
a ogni parte giacche sparse
con il sole o il brutto tempo
era un vero passatempo.
 
Al tavolo del tressette,
giocavano vecchi in abito,
chi vinceva andava alla botte,
e con la cannata “padrone e sotto”
 
all’aperto i meno anziani,
con una boccia nelle mani
o bocciavano o andavano a punto
il più sveglio teneva il punteggio.
 
Allora, era tanta l’allegria,
nella cantina e fuori la porta,
e si passava la serata
dopo una settimana lavorata.
 
Questo era un passatempo di allora,
le carte, le bocce e il vino dell’anno prima,
da ottobre fino a dopo maggio
e si dimenticavano qualche problema.
 
Perché i problemi si dimenticano con il vino
E allora … sia benedetto “Cozzolino”!!

Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!