fbpx

Premio Padula, programma e vincitori

Bata - Via Roma - Acri

Ai nastri di partenza la XII edizione del Premio Nazionale “Vincenzo Padula”, il cui programma è stato presentato nei giorni scorsi in una conferenza stampa da Giuseppe Cristofaro, presidente dell’’omonima fondazione, e Mario Bonacci, assessore comunale alla Cultura.

Questa edizione cade nel bicentenario della nascita dell’intellettuale acrese e il tema è “La cultura… ponte tra mondi diversi… per compiere il balzo, superare il confine”. La fase finale del premio si terrà, nel Palazzo Sanseverino-Falcone, dal 19 al 23 novembre.

Martedì 19, alle 17:00, presentazione del calendario Lions Club di Acri, dedicato alla figura di Vincenzo Padula. Mercoledì 20, alle 16:30, inaugurazione della mostra “Reperti archeologici scavi Colle Dogna”.

Giovedì 21, alle 16:00, presentazione della “Carta europea del turismo sostenibile”; a seguire “Biodiversità fra valore ambientale e opportunità economiche”. Conclude il Ministro all’Ambiente, Sergio Costa. Alle 20:00, la Scuola Alberghiera di Acri propone la degustazione di piatti tipici, con prodotti locali.

Venerdì, alle 17:00, in collaborazione con la Fidapa, incontro con la scrittrice Michela Marzano; alle 20:30, concerto di Raffaella Lupinacci e Angelo Arciglione.

Da giovedì a sabato, alle 9:30, nella Sala Polivalente, il seminario per gli studenti delle superiori sul cinema di Mario Martone, tenuto da Giovanna Taviani. Sabato sarà presente anche il regista. Sabato, alle 10:00, lectio di Silvano Nigro su “Il giorno della civetta e i suoi sottintesi”

Alle 17:00, la cerimonia di premiazione, presentata dalla giornalista Rai Serena Bortone.

Questi i vincitori: per la sezione Narrativa, Michela Marzano, per la pubblicazione di “Idda”; per la Saggistica, Salvatore Silvano Nigro, autore de “La funesta docilità”; per il Giornalismo, Corrado Formigli,; per la sezione internazionale “Vincenzo Talarico”, il regista Mario Martone; per “Persone in Calabria”, Teodora Pezzano, docente di Psicologia all’Unical; Francesco Iovino, docente di Gestione sostenibile risorse ambientali all’Unical; Arcangelo Badolati e Peppino Mazzotta, autori di “Muori cornuto”; e Raffella Lupinacci, mezzosoprano. La cerimonia sarà aperta con un omaggio speciale a Walter Pedullà, presidente della giuria del Premio.

“L’edizione 2019 del Premio – ha spiegato il presidente Cristofaro –  dedica incontri e riconoscimenti alla cultura come ponte per superare i confini e i limiti dai quali soprattutto il Mezzogiorno deve emanciparsi per proiettarsi in un avvenire possibile”.

Il tema di quest’anno indica “fame di futuro, di libertà e di civiltà che la Calabria e i nostri ragazzi vogliono gridare alle istituzioni, alla politica, all’Europa spesso sorda e distratta, in preda a rigurgiti particolaristici e nazionalistici”.

Per l’assessore Bonacci, “anche questa edizione conferma il Premio Padula, di cui la nostra comunità deve essere orgogliosa, proietta la manifestazione in una dimensione nazionale”.

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!