fbpx

A proposito di un canto popolare

Bata - Via Roma - Acri

Un canto popolare era comune, con evidenti varianti, in tutta Italia.

L’innamorato aveva chiesto alla sua bella un bacio, ma lei “tri voti jestimò lu paravisu!” (tre volte bestemmiò il paradiso!), negandolo, perché peccato.

Cosa poteva fare il misero? Doveva confessarsi il peccato. Farlo presso il prete del suo rione sarebbe stato come rendere palese, anche sotto il suggello della confessione, il suo rapporto amoroso. Il giovane, allora, decide di andare dal papa e confessarsi con lui. Al ritorno in paese canta sotto le finestre dell’innamorata:

Dingràzziu a Diu, a Ruma su’ arrivàtu

e ccu’ lu papa sugnu cunfessàtu:

iu lli dicu: – Santu papa mia,

de ‘na figliola sugnu ‘nnamuratu -.

Illu rispunni: – Figlilèttu mia,

segui l’amuti, cà nun è peccatu,

cà si nu era santu papa, iu

era lu miegliu de li ‘nnamurati!

Questo canto, come detto, era comune, con grandi varianti. Pitrè riportar la variante siciliana, nella quale il giovane innamorato si trasforma in dongiovanni che insidia la donna d’altri. Ma l’amore, comunque sia, è perdonato:

Vinni un picciottu a Roma cunfissatu

Pri vuliri a ‘na donna stremu beni.

Lu Papa dissi: – Figghiu, si’ addannatu,

Amari donni d’autru nun cunveni -.

– Patri cci cuntu tuttu lu passatu:

Idd’ havi lu me cori e si lu teni -.

– E quann’ è chissàu, ti sia pirdunatu;

Pri pinitenza vógghila cchiù beni -.

Nel Piemonte si aveva:

L’andiedi a Roma, e mi fu’ confessato,

E dissi: – Padre, a una donna vo’ bene -.

E lui mi disse: Vo’ fate peccato:

Amar la donna d’altri non conviene.

E, ancora:

Son stat a Roma e al Papa j’ ho parlato,

l’ho dit se fë l’amure l’è peccato:

Rispond’ un cardinal de li più vecchi:

– Fe’ l’amur che siate benedetti -.

A Verona, la città degli innamorati, si cantava:

Son andà a Roma a dimandarghe al Papa

Se a far l’amor se fa nessun peccato;

È salta fora un padre dei più veci:

– Fe’ pur l’amor che siestu benedeti.

Il responso fineale è sempre uguale: Fate l’amore ché non è peccato!

 Così in Liguria:

Sun s’tat’a Roma e col Papa j’ho parlatu

l’hö dice se a fe’ l’amur se l’è peccatu.

M’ha dice’ ch’u n’ë é peccatu e così sia,

Bas’ ta fe’ l’amur cu na bella fia.

Dove è nato questo canto? È difficile dirlo. Come mai è così diffuso? È impossibile dare una risposta a questi interrogativi.

Per questo e per tanti altri canti, però, si trovano riscontri, con varianti, in tutta Italia. I versi venivano trasmessi oralmente da quanti, per motivi diversi si portavano nelle varie regioni e, in ognuna, erano adattati ai luoghi o alla bisogna. Questo si può dire per certo.

Giuseppe Abbruzzo

Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!