fbpx

Personaggi

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Personaggi
 
Ssi personaggi chi stèaiu ppe bi cuntèari,
su esistuti daveri a llu pajisi mia,
pijèati carta e ppinna ppe annotèari,
chilli chi facìani caminanni ppe lla via.
 
C’era “Rebecchi”, jia sempri ntodettèatu,
vìarni e astèati caminèava ccu ll’umbrella,
parrèava llu tadijèanu mmudichèatu,
ppe d’illu ugne jùarnu era vita bella.
 
C’era “Coppa Totonnu” vàsciu e chjinottìallu,
si ti scontèava si facìa ssempri na risèata,
vodìa na sicaretta oppuru nu sicarrìallu,
s’u vodìa trovèari bastèava jiri alla Nuzijèata.
 
C’era “Donbucu” chi a nnullu facìa mmèadi,
caminèava ccu nnu cartìallu scrittu, alli spalli
jìa ttrovanni na crèapa ccu ll’occhièadi!
e bodìa vasèari mmucca alli pòvari cavalli.

Ppe lli viji si sentìa musica a manetta,
ti girèavi e c’era d’illu, c’era “Rafedu”,
facìa nna risicella e ffujià mpretta mpretta,
na nozzichèta e cheapa e nna vattuta e pedu.
 
C’era puru “Benitu e Tadijèanu”,
e tutti quanti jia ttrovanni righèadi,
brutticìallu e fàccia ma bùanu cumi u pèanu,
cancèava lli malbori ccu lli nazionèadi!
 
Pu c’era “Ntoniu e Formaduacchiu”,
chi pennìa all’avanti ppecchì era ncoscinèatu,
sempri trùvudu e fàccia, pijèava sup’ùacchjiu
chini u vodia tocchèari ppe d’èsari furtunèatu.

Supa i Cappuccini cci stèava n’ominìcchiu,
chi sapìa cconzèari u dabbru supa u nèasu!
era nu vasciottu si chiamèava “Angiudìcchiu
e Parma” e ss’u fissijèavi un ci facìa cchèasu.
 
Mi ricùardu puru a “Duminicu e Duglia”,
dicìa lla genti c’avìa nu “vettu” rannu rannu,
dicìa lla genti ca lli piacìa lla “pitta pùglia”
e tri fìmmini avià mannèatu all’èatru munnu

C’era “Pasquèadu e Battagliunu”
pudizzèava lli chèavi ccu nna scupa,
ccu ll’organetta era llu numar’unu,
ma senza vinu a jurnèata sua era cupa.
 
C’era “Basile” c’avìa finu ‘ngiagnu e ttattu,
caminèva sempri ppe cchilla strèata e Duglia,
ccu lli fòspari stutèati ci avìa ffattu,
na bella nèava intra na buttiglia.
 
C’era “Franchinu e Cinnaràcchiu”,
ppe ccampèari facìa sempri dua mestìari,
ncacchjèava lli chèani ccu nnu càcchju,
portèava lla carna macellata alli chjnchìari.
 
Ssi personaggi c’èrani na vota allu pajisu,
e d’era na cuntentizza a lli scontèri ppe lla via,
pu a ppocu a ppocu si nni su jjuti m’paravisu,
dassanni ppe ssempri nu vedu e nustargia.
 
 
Personaggi
 
Questi personaggi che sto per raccontarvi,
sono esistiti veramente al paese mio,
prendete carta e penna per annotare,
quello che facevano camminando per la via.
 
C’era “Rebecchi”, andava sempre elegante,
d’inverno e d’estate aveva sempre l’ombrello,
parlava un italiano misto dialettale,
per lui ogni giorno era vita bella.
 
C’era “Compa Totonno”, basso e grassoccio,
se lo incontravi si faceva sempre una risata,
voleva una sigaretta oppure un sigaro,
se lo cercavi bastava andare all’Annunziata.
 
C’era “Donbuco” che a nessuno faceva del male,
camminava con un cartello scritto, sulle spalle,
andava in cerca di una capra con gli occhiali!
e voleva baciare sulla bocca i poveri cavalli!
 
Per le vie si udiva musica ad alto volume,
ti voltavi e c’era lui, c’era “Raffaele”
si faceva una risata e scappava in fretta,
un cenno con la testa e una battuta di piede.
 
C’era anche “Benito Tadiano”,
da tutti voleva fatto un regalo,
bruttino di viso ma buono come il pane,
si scambiava le Marlboro con le Nazionali!
 
Poi c’era “Ntonio e Formadocchio”,
piegato in avanti perché aveva la gobba,
sempre truce in viso, prendeva di mira
chi lo voleva toccare per essere fortunato.
 
 Sopra i Cappuccini vi abitava un ometto,
che sapeva sovrapporre il labbro sul naso!
era un bassotto, si chiamava “Angiudìcchio
di Parma” e se preso in giro non ci faceva caso.
 
Ricordo anche “Domenico di Duglia”,
dicevano in giro che aveva un “vetusto” grande,
dicevano in giro che gli piaceva la “pitta fresca”
e tre donne aveva mandato all’altro mondo.
C’era “Pasquale Battagliuno”
puliva i vicoli con una scopa,
con l’organetto era il numero uno
ma senza vino la sua giornata era triste.
 
C’era “Basile” che aveva fine ingegno e tatto,
camminava sempre lungo la strada di Duglia,
con i fiammiferi spenti aveva fatto
una bella nave dentro a una bottiglia.
 
C’era “Franchino di Cinnaracchio”,
per campare faceva sempre due mestieri,
accalappiava i cani con un cappio,
portava la carne macellata alle macellerie.
 
Questi personaggi c’erano un tempo in paese,
ed era una gioia incontrarli per la via,
poi un po alla volta sono andati in Paradiso,
lasciando per sempre un velo di nostalgia.
 
 
 
 
Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!