fbpx

Olio di olive “roggianelle”: un gioiello verde-oro

Sulle olive “roggianelle” se ne dicono tante (“non cadono manco a scuoterli con una mazza”, “danno produzione anche nell’anno di magra”, “non diventeranno mai dolci”, “sono quasi sempre sane”, “la resa è poca ma l’olio è buono”) ma quando si porta a casa il loro olio è un gran sollievo, soprattutto se l’uliveto è in territorio di Acri (Cosenza). Il gran sollievo è per la fine (annuale, purtroppo) delle spese e della fatica sopportate per coltivare l’uliveto e per raccogliere le olive. In Acri, gli uliveti nelle migliori condizioni occupano terreni poco pianeggianti, quasi al limite della meccanizzazione, ma molti si estendono oltre questo limite e risentono della natura del terreno, del sottile suolo agrario, della ridotta permeabilità, dell’alta erosione, dell’insufficiente meccanizzazione, del molto lavoro manuale. Intanto, gli ulivi sono qui e dispiace abbandonarli e vederli in preda alle erbacce ed ai rovi: il loro impianto ha richiesto molta fatica e molti anni.
La resa in olio delle olive “roggianelle” non è esaltante (quest’anno è stata del 14,5%, anche se in altri anni non sono mancate massime del 17% o minime dell’11%) a paragone di altre qualità di olive (alcune, in zone di pianura e più calde, possono arrivare fino al 26-28%).
Se la qualità non è sinonimo di quantità, i piccoli produttori acresi possono considerare “l’olio di roggianelle” un piccolo gioiello, da conservare con cura o da farne dono a persone stimate, che apprezzano il dono e considerano soprattutto la fatica per produrlo. Un olio che si sente in gola anche su una calda bruschetta condita da solo origano.
Francesco Foggia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!