Al caro presidente La Russa

Bata - Via Roma - Acri

Ha ragione il Presidente La Russa: ‘La parola antifascismo non è nella Costituzione’! E credo che con questo ennesimo e illuminato chiarimento abbia inteso dire che la ‘Carta’ è di tutti gli italiani, compresi i neofascisti. 

Pertanto è una inutile perdita di tempo commemorare il 25 aprile; meglio allora andare a Praga a commemorare la figura di Jan Palac, che si è immolato contro i carri armati del dittatore Stalin. Così facendo il ‘nostro caro’ Presidente è sicuro di agire da autentico democratico, da ‘patriota’ che difende la sovranità di tutti i popoliindipendentemente da ogni distinguo e colpa; in fondo egli non si vergogna di dirsi fascista e di considerare anche il Duce vittima dell’ideologia di Stalin.

Il ‘nostro’ Presidente infatti sa da che parte sta la verità storica, anche se gli storici di professione non vogliono ancora capirlo. Egli, perciò, come seconda carica dello Stato, non può ogni anno sprecarsi a ricordarel’assassinio di Giacomo Matteotti, o di Piero Gobetti, che fu ammazzato di botte in Francia perché, da democratico liberale, scriveva e parlava contro le orde barbariche che ilDuce guidava all’assalto delle libertà.

Il ‘nostro amato’ Presidente conosce bene queste cose e ne tiene conto nel rappresentare i valori di ‘tutti’ gli italiani che lo hanno sostenuto: non c’è dubbio, è una persona di parola, non un democratico ‘Che tiri quattro paghe per il lesso’.

Aprile 2023 Vincenzo Rizzuto

A Jan Palac 

Jan, oggi ti abbiamo raggiunto,

abbiamo visto e toccato con mano

il luogo del tuo martirio.

Abbiamo sentito sulla nostra carne

I morsi del fuoco che ti ha divorato,

come era successo a Bruno

in Campo dei Fiori a Roma.

Come lui anche tu, con gemiti indomiti,

ci hai fatto sentire freddi brividi,

più freddi della gelida neve che fiocca,

brulicando immacolata intorno a noi.

Jan, quanta vergogna proviamo

per i compagni falsi e bugiardi

che, uccidendoti, hanno tradito

se stessi per un pugno di mosche.

Per loro ti chiediamo perdono,

per loro ci inchiniamo ai piedi

di San Venceslao, che a cavallo

e a spada tratta ti difende

contro i nemici di sempre.

Anche lui, tradito da Caino,

grida e geme senza posa

contro i mali del mondo.

Vai fiero, Jan Palac,

Venceslao non ti abbandonerà mai, 

e sulla tua tomba avrai sempre fiori

di giovani generosi compagni di viaggio.

Essi ti abbracceranno uniti nell’amore

per il tuo mondo di pace e di fraternità.

Noi, anche se viandanti distratti,

non ti scorderemo mai.

Sei nei nostri cuori e nella nostra mente,

e lì vivrai per sempre imperituro.

(versi tratti dalla raccolta ‘Fiori di pietra’, Comit Editor Press, Marzi 2010).

Vincenzo Rizzuto

Bata - Via Roma - Acri

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!