fbpx

Il consigliere Turano, un disco rotto

Il Consigliere comunale Turano, al pari di tutti i colleghi Consiglieri, esercita la funzione di indirizzo e controllo, pertanto ha il dovere di approfondire le questioni che vengono veicolate poi a mezzo stampa. 
Ciò premesso, la costruzione del nuovo polo scolastico in località San Martino è stato oggetto di rimodulazione da parte di questa Amministrazione. L’inizio dei lavori, in linea con gli indirizzi di governo, confermano l’impegno di tutti noi nel portare avanti l’attuazione del programma, sia pure rivisitato alla luce del dissesto finanziario e delle prescrizioni imposte dalla Commissione per la stabilità finanziaria degli enti locali, considerato il fallimento del Comune riconducibile alle Amministrazioni da lui sostenute.  
Siamo ormai avvezzi alla mancanza di onestà intellettuale da parte di chi, non riuscendo a svolgere il proprio ruolo istituzionale, disimpegnandosi nell’approfondire le questioni nelle sedi appropriate, è convinto che sia sufficiente manifestarsi a mezzo stampa e/o sui social per riconoscere meriti a chi in realtà non ne ha. 
Questo comportamento, reiterato come un disco rotto, offende l’intelligenza dei cittadini e di chi quotidianamente si impegna con mille difficoltà, sia pure con errori nel risolvere i problemi della nostra comunità. È una questione di stile: il rispetto istituzionale tuttavia non appartiene a tutti, certamente non al consigliere Turano. Ci saremmo aspettati un apprezzamento per quanto fatto, ma saranno i cittadini a giudicare.
Dopo 16 anni diamo il via alla bitumazione delle strade con fondi comunali attraverso l’accensione di un mutuo (considerata la riacquistata capacità di indebitamento da perte dell’Ente), ma il Consigliere Turano decide di votare contro (o si assenta) il bilancio di previsione, nel quale erano previsti interventi di manutenzione stradale anche in località La Mucone. Dice che il merito però è suo.
Si installa un defibrillatore in località Serricella e continua ad autoriconoscersi meriti. Si installa il bancoposta in località Serricella e naturalmente non fa cenno al supporto dell’Amministrazione comunale. Potrei continuare, ma preferisco mettere il punto.
Forse, un ripasso di quelle che sono le funzioni della minoranza e della maggioranza gli farebbe bene.

Pino Capalbo, sindaco di Acri










Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!