fbpx

D’ortudèanu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
D’ortudèanu
 
Alla ‘mmrunèata si ricogli chièanu chièanu,
chjin’e fèama e stancu mùartu d’ortudèanu,
partutu ccu lla notti, ca a jurnèata è bella,
ccu llu chiantaturu, a fàvuci e lla zapparella.
 
Chilla terra illu mo lla ttutta ricamèata,
e dde tanti buani sapuri ll’ha cchiantèata,
cci nn’ha jjettèatu fatiga e ssuduri tanti misi,
cci nn’ha ‘nzuppèatu quazuni e ccammisi.
 
Quanni arriva alla chèasa è ttuttu cuntiantu,
na càvuda minestra e nnu pocu e abbìantu,
alli figli lli cunta cum’è jjuta a jurnèata,
e attramenti chi cunta lli fa n’accarizzèata.
 
I ‘mpèara a ccrìsciari ccu onestà e rrispettu,
lli ‘mpèara a ccanùsciari u pregiu e du difettu,
assiboglia ch’è stanchèatu e ss’e dde riposèari
alli figli i valori e da vita e dde ‘mparèari.
 
Illu camina lli viji ccu lla zappa supa i spalli,
a cchini duna lla mèana lli fa ssèntari i calli,
na vota suda intra a vita, illu s’è ‘ntodettèatu,
u jùarnu cchiù bìallu, quanni s’è spusèatu.
 
Illu unn’ha ffattu scoda, ca c’era lla guerra,
u quadernu sua, è ssu pezzarìallu e terra,
a pinna ppe cci scrìvari, è lla zapparella,
u scrittu finitu è ssa rrobba sapurita e bella.
 
Chissu è ll’ortudèanu e ll’èami e ringrazièari,
ca rrobba genuina a ttutti nua fa mmangèari,
e nnunn’è ppocu, a ssu munnu ch’è ccancèatu
c’u mangèari e di putighi è ttuttu abbedenèatu
 
L’ortolano
 
Al tramonto rincasa lentamente,
affamato e stanco morto l’ortolano,
partito con il buio, per via del tempo bello,
con il piantatoio, la falce e la zappetta.
 
Quel terreno lo ha tutto coltivato,
e di tanti buoni sapori lo ha trapiantato,
 ha buttato fatica e sudore per tanti mesi
 ha inzuppato pantaloni e camice.
 
Quando arriva a casa è contento,
una calda minestra e un poco di riposo,
ai figli gli racconta la giornata trascorsa,
e mentre racconta, li accarezza.
 
 Insegna loro a crescere con onestà e rispetto,
 insegna loro a conoscere il pregio e il difetto
non importa se è stanco e deve riposare,
ai figli i valori della vita deve insegnare.
 
Cammina per le vie con la zappa sulle spalle
a chi gli da la mano gli fa sentire i calli,
 una volta sola nella vita si è vestito elegante
il giorno più bello, quando si è sposato.
 
Lui non è andato a scuola per via della guerra
Il suo quaderno e questo pezzo di terra,
la penna per scrivere, è la zappetta,
lo scritto finito è il cibo saporito e bello.
 
Questo è l’ortolano e lo dobbiamo ringraziare,
cibo genuino a noi tutti fa mangiare,
e non è poco, su questo mondo cambiato,
il cibo dei negozi è tutto avvelenato.





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!