fbpx

Fra gli specchietti per le allodole: il ponte sullo Stretto

Gli specchietti per le allodole, usati fin dall’ Unità d’Italia, a tutto danno dei meridionali, sono numerosissimi. In questi tempi se ne riprende, di tanto in tanto, uno: il ponte sullo Stretto.

Vogliamo documentare come l’affermazione introduttiva sia vera e dare, a chi ne avesse voglia, le necessarie indicazioni, per ricercare quanto segnaleremo in appresso.

L’ing. A. Carlo Navone, nel 1870, pubblicò, in Torino, presso C. Favale e Compagnia, Passaggio sottomarino attraverso allo stretto di Messina: per unire in comunicazione continua il sistema stradale ferroviario siciliano alla rete della penisola: progetto di massima. A tanti sembrerà incredibile la cosa, ma quel progetto di massima rimase chiuso tra le pagine, ormai ingiallite, del libro. C’è da sottolineare che, nel frattempo, si è realizzato il tunnel sottomarino de La Manica.

Precisiamo che il volume citato ha a corredo due tavole: Carta planimetrica a curve orizzontali, descrittiva dello Stretto di Messina, con indicazione geologica della natura delle rocce e il tracciato del progetto. La seconda tavola contiene lo spaccato, secondo il tracciato principale, unitamente al profilo e al diagramma geologico dei terreni attraversati.

Il lavoro è suddiviso in tre parti. La I riguarda la natura geologica dello Stretto; la II la costruzione dell’opera; la III l’analisi dell’opera, la stima, la dimostrazione pratica dell’aspetto economico e l’utilità dell’opera da realizzare.

Dell’opera si occupò L. Stocchi sul periodico cosentino Il Calabrese dell’8 febbraio 1882. Vi si legge una disamina particolareggiata dell’opera proposta.

È trascorso oltre un secolo da quegli anni e, di tanto in tanto, si tira in ballo quel collegamento.

Quanto quello “specchietto” fosse portato a galla si può arguire da un altro progetto: il ponte sullo Stretto. Non è quello dei tempi nostri, ma risale, nientemeno, al 1882!

Il progetto citato è opera dell’ing. Antonio Palma, originario di Corigliano Calabro. Dalla fonte da noi consultata ricaviamo che il progetto fu reso pubblico in “un’operetta edita a Napoli nel 1882 col titolo Progetti diversi”.

Cediamo all’ing. Palma: “Non vi ha nella storia uno stretto sì celebre come il Faro di Messina, e non vi sarà un punto tanto importante pel commercio tra l’Africa e l’Europa e per conseguenza un ponte più utile quanto quello che si è progettato”.

Ecco cosa precisa il suddetto: “Il sito più acconcio per un ponte è distante circa un chilom. Da Villa S. Giovanni alla Punta Pezza della Calabria, in direzione della Torre presso Canzirri in Sicilia”; “Il ponte sarebbe di 5 luci, ognuna lunga m. 500, la spalla nella Calabria sarebbe presso la quota 35, lunga 8° m., larga 45 fino all’alta marea, sopra poi alta 50 m. fin sulla cima per potervi passare sotto i navigli”. Scrive dei piloni; della “spalla di Sicilia” ecc. ecc.

Riteniamo che i politici, che ai tempi nostri hanno sventolato e sventolano la necessità del Ponte sullo Stretto, ignorino i progetti citati. Erano validi? Erano attuabili? Erano sicuri?

Poco importava e importa, perché ora, come allora si agita la necessità di quel collegamento, in momenti opportuni, come “specchietti per le allodole”.

Giuseppe Abbruzzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!