fbpx

Ccu ll’ùacchji e nu guagliunu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Ccu ll’ùacchji e nu guagliunu
 
Cumi fussa bìallu u munnu si fussa vistu,
sudamenti ccu ll’ùacchji e nu guagliunu,
fùssini cuntìanti pur’i Santi e Gesù Cristu,
pur’u riccu e cchì dorma intra nu cartunu.
 
Un ci fussa lla mmìdia mmìanzu i genti,
ca u gugliunu u lla canusci lla gedusia,
e nnullu, propiu nullu fussa penitenti,
cci fussa sudu pèaci e amuru ppe lla via.
 
Un ci fussa llu dèatru e llu delinquenti,
ca nu guagliunu un sa cchi significa sparèari
illu canusci sudu u jùacu e llu divertimenti,
sa ssudu ca tutt’u munnu s’avìssi dde amèari.
 
Un ci fussa ll’odiu e nnemmeni u mèadu,
ca nu guagliunu è ssudu chjinu e cuntentizza
sudu amuru allu munnu fussa spèasu gueadu
no cchiù nnu schcaffu ma sudu na carizza.
 
Un ci fussa nulla guerra supa ssu munnu,
nu guagliunu un si cci vida mmìanz’u fuacu,
illu u munnu u vo m’pèaci ppe cumi è ttunnu
u vo ssudu fattu e amuru e cchjinu e jùacu.
 
Un ci fùssini cchiù barchi mmìanzu u mèaru,
ccu disperèati ncerca e pèaci e amuru,
ca ssu prìazzu paghèatu troppu chèaru,
ppe ll’ùacchji e nu guagliunu, è nnu muru.
 
Vo llu nìvuru chi s’accùcchja ccu llu giallu,
e ccu llu jancu, chi mischchèati nni fèan’unu
vodissa ca dumèanu quanni canta llu gallu
u munnu u vidissa l’ùacchjiu e nu guagliunu.
 
Con gli occhi di un bambino
 
Come sarebbe bello se il mondo fosse visto,
soltanto con gli occhi di un bambino,
sarebbero contenti anche i Santi e Gesù Cristo
anche il ricco e chi dorme in un cartone.
 
Non ci sarebbe invidia tra la gente,
un bambino non conosce la gelosia,
e nessuno proprio nessuno sarebbe penitente,
ci sarebbe solo pace e amore per le vie.
 
Non ci sarebbe il ladro e il delinquente,
un bambino non sa cosa significa sparare,
lui conosce solo il gioco e il divertimento,
sa solo che tutto il mondo dovrebbe amarsi.
 
Non ci sarebbe l’odio e neppure il male,
un bambino è solo pieno di allegria,
soltanto amore nel mondo sarebbe sparso,
non più uno schiaffo ma solo una carezza.
 
Non ci sarebbero più guerre su questo mondo,
un bambino non si ci vede in mezzo al fuoco,
    il mondo lo vuole in pace per come è tondo
lo vuole solo fatto d’amore e pieno di gioco.
 
Non ci sarebbero più barche in mezzo al mare
con disperati in cerca di pace e amore,
perché questo prezzo pagato troppo caro,
per gli occhi di un bambino è un muro.
 
Vorrebbe il nero che si unisse al giallo,
e con il bianco uniti, diventare uno soltanto,
vorrebbe che domani quando canta il gallo,
il mondo lo vedesse l’occhio di un bambino.



 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!