fbpx

Cosenza, Orkestrâ percussion al Groove Festival al Castello Svevo

Fervono anche in piena estate le attività del Conservatorio di musica “Stanislao Giacomantonio” di Cosenza, che in questi giorni offre al territorio il Groove festival, giunto alla seconda edizione.

L’ambito è quello accattivante degli strumenti a percussione, a cui dal 20 al 25 luglio sono dedicate ben quattromaster class che culmineranno in un concerto finale.

Orkestrâ percussion è il nome dato all’ensemble composto da un ampio gruppo di percussioni, secondo un’idea, nata nel 2005 nelle città francesi Lyon e Villeurbanne, che arriva a Cosenza grazie al Conservatorio e specificamente al docente TarcisioMolinaro, coordinatore dell’iniziativa inserita nel POR Calabria 2014-2020.

Le master class coinvolgono una trentina di strumentisti calabresi e francesi e sono in corso di svolgimento al teatro Rendano a cura di specialisti di livello internazionale: da Lione Jean Luc Rimey Meille e Sebastian Bonniau, Attilio Terlizzi arriva dal Conservatorio di Clermont-Ferrand, Giuseppe Cacciola dal Teatro alla Scala di Milano.

Al concerto parteciperanno tutti coloro che hanno seguito le lezioni, i docenti e il coordinatore artistico Molinaro, con la partecipazione del maestro Giorgio Barozzi alle tastiere elettroniche.

Direzione e arrangiangiamenti sono affidati a Jean Luc Rimey-Meille, in programma musiche di un repertorio eterogeneo riletto per questo particolare organico strumentale (King Krimson, Yes, Genesis, Zappa, Bowie, Metheny, Bernstein).

Sarà un tripudio di percussioni, maggiormente a tastiera (marimba e vibrafono), cinque timpani, una batteria e non mancheranno le percussioni afrocubane.

Spiega Molinaro: “In questa formazione chiamata Orkestrâ alcuni degli strumenti che suoniamo sono inconsueti. Dunque siamo orgogliosi di far conoscere sonorità sorprendenti originati dalla fertile immaginazione di liutai coraggiosi o provenienti da culture extraeurope: tastiera di wood block, steel drums, tastiere di campane di vacca, gong, crotali, campane tubolari, litofoni”.

Lo scenario suggestivo, il Castello Svevo di Cosenza, contribuirà a rendere speciale la serata: concerto alle ore 21:00 con ingresso libero da prenotare all’indirizzo produzione@conservatoriodicosenza.it .Le prove aperte al pubblico si svolgono durante le giornate del 26 e 27 luglio fino alle ore 20 circa, sempre al castello.

Ufficio stampa Conservatorio di Cosenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!