fbpx

L’abbraccio di Acri a Gerardo Sacco

In tempi di Covid-19 non è semplice portare in sala gente per la presentazione di un libro e se questo accade è un evento.

E’ un po’ quello che è accaduto venerdì pomeriggio con l’iniziativa promossa, nel pieno rispetto della normativa per combattere la pandemia, nella sala “Giovan Battista Falcone del Palazzo Sanseverino-Falcone, dal Rotary Club di Acri e dall’amministrazione comunale.

Per l’occasione è stato presentato l’ultimo libro scritto a quattro mani dal maestro orafo Gerardo Sacco e dal giornalista Francesco Kostner, “Come l’araba fenice”.

La sala era piena di gente che ha tributato un caldo abbraccio all’orafo crotonese, socio onorario del locale Rotary Club e qui quasi di casa, come egli stesso ha tenuto a sottolineare durante la serata.

Dopo i saluti di Mario Bonacci, vicesindaco e assessore comunale alla Cultura, Enzo Rostanzo, presidente del Rotary Club di Acri, e Amedeo Gabriele, assessore comunale allo Spettacolo, il giornalista Piero Cirino ha conversato con i due autori del testo.

Tanti gli spunti emersi nel corso della chiacchierata sul volume che racconta l’esperienza di Gerardo Sacco che ha contratto il Coronavirus e che racconta di una sanità regionale che nel suo caso si è rivelata impeccabile.

Applausi poi a scena aperta per la sfilata finale dei gioielli che fanno parte delle nuove collezioni Sacco, “Rinascita”, “Stil novo” e “Modigliani”. Molti dei pezzi, indossati da modelle acresi, nell’occasione sono stati presentati in anteprima e saranno in commercio nei prossimi mesi.

Molto apprezzato anche il cadeau che Gerardo Sacco ha voluto dedicare alla città con un gioiello con l’immagine di Sant’Angelo d’Acri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!