fbpx

E’ ccosa bona

Il Vernacoliere di Angelo Canino
E’ ccosa bona
 
Na renza u misu e mèaiu è ccosa bona
sponza lli terri, fa ccrìsciari i davura
è ccosa madamenti quanni trona
si ncolla de li terri i tua sudura
 
U vinu intra a cannèata è ccosa bona
bellu friscu tri trèasa intra li veni
è ccosa madamenti intr’i bidona
si fa cifeca, chi su viva chiangi ppeni
 
D’organetta ppe ll’anticu è ccosa bona
mantena l’allegria quanni c’è ffesta
è ccosa madamenti quanni u ssona
finitu de mangèari nullu resta
 
Jiri a ffungi intra a Sida è ccosa bona
a ccògliari porcini e pperrupèati
è ccosa madamenti s’ù ccanusci a zona
ti pìardi, ccu lli dupi alli pedèati
 
Na povarella chi t’adura è ccosa bona
crisci lli figli ccu ll’onuru e da famiglia
è ccosa madamenti s’è rriccona
ti fa ccurnutu ccu nna chiusa e ciglia.


E’ cosa buona
 
una pioggerellina a maggio è cosa buona
inzuppa i terreni e fa crescere il grano
è cosa non buona quando tuona
si porta via dal terreno i tuoi sudori
 
Il vino nella brocca è cosa buona
bello fresco, ti entra nelle vene
è cosa non buona nei bidoni
diventa aceto, chi lo beve piange pene
 
L’organetto per l’antico è cosa buona
ci tiene in allegria quando c’è festa
è cosa non buona quando non suona
finito di mangiare, nessuno resta
 
Andare a funghi in Sila è cosa buona
a raccogliere porcini e “tricoloma”
è cosa non buona se non conosci la zona
ti perdi, con i lupi sulle pedate
 
Una poveretta che ti adora è cosa buona
cresce i figli con l’onore della famiglia
è cosa non buona se è riccona
ti fa cornuto con un battito di ciglia.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!