fbpx

A vecchiarella

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A vecchiarella
 
A faccia scrimijèata
storta a caminèata
ammuscèati i carni teni
scummoglièati su lli veni
 
d’anni su nnovanta
a fatiga è stèata tanta
jùarni bìalli e dde doduri
jùarni tristi e jjùarni e amuri
 
ha pportèatu avanti a chèasa
ccu ssudura a nn’ugn’e rrèasa
ha allumèatu ccu ccarigli
ha ccrisciùtu setti figli
 
ha abbuttèatu a pecurella
a gallina e lla ciarbella
centinèari e cucinèati
e minestri e dde nzadèati
 
a nnu queatru, ncunu milli
mpasti e gnocchi e dde fusilli
alli fìarri ha ffattu magli
e cquazìatti e cìantu tagli
 
a schcoccèatu vajanella
e dda simenta, allittu a bella
e da fonta acqua ha pportèatu
quanti spichi ha spoderèatu
 
mo, s’abbenta a ssa rasella
e ss’a guardi pèara bella
c’a a ssa faccia surchijèata
c’è nna vita disegneata.
La Vecchietta
 
Il viso pieno di rughe
sbilenco il passo 
appassite le carni tiene
 scoperte sono le vene.
 
Gli anni sono novanta
la fatica è stata tanta 
giorni belli e di dolore 
giorni tristi e giorni d’amore.
 
Ha portato avanti la casa 
con sudore in ogni parte 
ha acceso il camino con carigli 
ha cresciuto sette figli. 
 
Ha sfamato la pecorella
la gallina e il capretto 
centinaia di ricette
 di minestre e di insalate.
 
Su un “quadro” oltre mille
 impasti di gnocchi e di fusilli
 ai ferri ha fatto maglie
 e calze di cento taglie.
 
Ha sgranato faggiola
dal seme, selezionato il meglio 
dalla fonte acqua ha portato 
quante pannocchie ha sfoderato!.
 
Adesso si riposa in quest’angolo 
e se la guardi è bella
perché su questo viso rugoso  
c’è una vita disegnata.
Iscriviti per rimanere informato

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!