fbpx

È queasi vìarnu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
È queasi vìarnu
 
Ammuccèatu oji e llu sudu
bizzarru è ppur’u mudu
a musca è ‘nturdunuta
u schchitu no cchiù sputa.
 
Arriva na fruscèata
d’u viantu accumpagnèata
e ‘ncigna lla ruvina
ppe cchini va ccamina.
 
Pisanti i vestimenti
addiu jùarni cocenti
sta ppe veniri vìarnu
sta ppe veniri u ‘mpìarnu.
 
I chèasi pèari pèari
‘ncignani a ffumèari
e lli siri, oji cchi ffera!
‘ntuanru a pastellera!
 
U jùarnu mo è ffuriastu
a sira arriva ppriastu
a notta è ffatta ranna
a niva mo si spanna
n’cìadu, ca pocu mo ci manca
ppe ffèari a terra janca…
 
e dìcia llu ditìarnu
“appicciatimi, ch’è quèasi vìarnu.
E’ quasi inverno
 
Nascosto oggi è il sole
bizzarro e pure il mulo
la mosca è stordita
lo schito non sputa più.
 
Arriva uno scroscio
dal vento accompagnato
e inizia la rovina
per chi va cammina.
 
Invernale l’abbigliamento
addio giorni cocenti
sta per venire inverno
sta per venire l’inferno.
 
Le case tutte
iniziano a fumare
e le sere, oh! Che baldoria
attorno alle caldarroste.
 
Il giorno adesso è funesto
il buio arriva presto
la notte è diventata lunga
la neve ora si spande
nel cielo, e poco ci manca
per fare il terreno bianco
 
e dice l’alaterno
“accendetemi che è quasi inverno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!