Gùardu, pìanzu e scrivu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Gùardu, pìanzu e scrivu
 
Signu misu avanti a porta,
ve trovanni ncunu friscu,
oji u càvudu un si cumporta,
fa jjestimèari a Sampranciscu.
 
Si dicrìani ss’ùacchji mia,
a gguardèari tutt’attùarnu,
na crapuzza ppe lla via,
alla stalla fa rritùarnu.
 
Cci su ll’àrburi chi fèan’urma,
ccu lli pàmpini anninnèati,
c’è nna cìbbia e acqua curma,
duna cìantu abbivarèati.
 
A nna rasta e crita russa,
c’è nna troppa e petrusinu
e nna gatta ccu lla tussa,
cci sta ssempri lla bicinu.
 
Cum’è bìallu a d’ammirèari,
ssu quèatru fattu e da natura,
e tu sùbitu a ppenzèari
quattru vìarsi ca mò è d’ura.
 
E cci scrivi tanti cosi,
chi ss’ùacchji t’ho mmustrèatu
nu jardinu chjin’e rosi,
na padumma intra nu prèatu.
 
Allu cìadu un c’è nna nuva,
e lla vamba tuttu sicca,
mo a jocca fa lla cuva,
e ccampìani a ppicca a ppicca.
 
Hoji! cchi ppèaci avant’a porta,
benaditti ssi jurnèati,
muti e ccitti cumi a morta,
sudu u cantu e di cechèati.
 
E d’iu gùardu, pìanzu e scrivu,
ssu ricùardu de ssa menti,
e ppe ssempri resta bivu
ppe bua tutti cca presenti.
 
Guardo, penso e scrivo
 
Mi son messo fuori l’uscio,
in cerca di una frescura,
oggi il caldo non si sopporta
fa bestemmiare a San Francesco.
 
Gioiscono gli occhi miei,
a guardare tutto intorno,
una capretta per la via,
all’ovile fa ritorno.
 
Ci sono gli alberi che fanno ombra,
con le foglie dondolate,
c’è una vasca di piena d’acqua
che dà cento abbeverate.
 
In un vaso di creta rossa,
c’è una pianta di prezzemolo,
e una gatta con la tosse
ci sta sempre vicino.
 
Com’è bello ammirare,
questo quadro fatto dalla natura,
e tu subito a pensare
quattro versi, che è l’ora giusta.
 
E ci scrivi tante cose,
che questi occhi ti hanno mostrato,
un giardino pieno di rose,
una farfalla in un prato.
 
Nel cielo non c’è una nuvola,
e la calura tutto inaridisce,
adesso la chioccia fa la cova,
e nascono a poco a poco.
 
Oh! Che pace davanti l’uscio,
benedette queste giornate,
mute e silenziose come la morte,
solo il canto delle cicale.
 
E io guardo, penso e scrivo,
il ricordo di questa mente,
e per sempre resta vivo,
per voi tutti qui presenti.
Iscriviti per rimanere informato
Bata - Via Roma - Acri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!