fbpx

Calcio, l’Acri pareggia 1-1 con il Locri: per i play off manca l’ultimo step

Bata - Via Roma - Acri

ASD CITTÀ DI ACRI 1 LOCRI 1
CITTÀ DI ACRI: Calderaro 6, Stornaiuolo 6, Mancino 7, Crispino 6,5, Brandi 6,5, Bertini 6, Le Piane 6 (15′ st Mazzei 6), Sposato 6,5, Petrone 6 (45′ st Proto sv), Santamaria 6 (28′ st Gaudio sv), Olivieri 6,5 (42′ st Pucci sv). In panchina: Rugna, Alice, Viteritti, Natale, R.Algieri. Allenatore: Mario Pascuzzo.
LOCRI: Gagliardotto 6,5, Paviglianiti 6, D.Aquino 6,5, Martinez 6, Dodaro 6(23′ st Vita sv), Dascoli 6, Riga 6 (4′ st Larosa 6), Zarich 6, Sapone 6 (14′ st Guerrisi 6), Catania 6,5, Cama 6 (8′ st Lucà 6). In panchina: Loccisano, Pagano, V. Aquino, Carella, Coffa. Allenatore: Renato Mancini
ARBITRO: Giovanni Idone di Reggio (Assistenti: Catalano e Chindamo di Reggio)
MARCATORI: 26′ st Mancino, 35′ st Catania.
NOTE: Circa 400 spettatori. Ammoniti: Sposato, Dodaro, Paviglianiti. Angoli 4-4. Recupero: 1’pt; 5’st

ACRI – Un punto a testa che consente all’Acri di staccare Sersale e Scalea (contemporaneamente sconfitte) al quinto posto, mentre il Locri onora ancora di più il campionato già vinto qualche settimana fa. Al “Pasquale Castrovillari”, prima del fischio d’inizio la società rossonera, e il Comune di Acri, hanno consegnato delle targhe celebrative al sodalizio locrese e all’allenatore degli amaranti. Un gesto di «stima e congratulazioni – si legge in una nota dell’Acri – nei confronti dell’intera città di Locri». Dopo i convenevoli, spazio alla cronaca del match. I padroni di casa partono forte e al 4’ Le Piane va alla conclusione: mira però da dimenticare. Il Locri non sta a guardare e ci prova con Catania (7’): pallone a lato. La partita è vivace e i cosentini sono pericolosi al 10’ con Petrone: il colpo di testa del numero 9 manca però in potenza, nessun problema per Gagliardotto. La squadra di Pascuzzo prova a pungere soprattutto con conclusioni dalla distanza, tra l’undicesimo e il ventesimo ci provano in successione Santamaria, Le Piane e Crispino. Le 3 conclusioni finiscono alte. Alla mezzora ci prova ancora Catania ma Brandi è bravo a murare il tiro dell’attaccante. Il primo tempo va in archivio. La ripresa inizia con il Locri che appare più propositivo: Catania mette ancora una volta i brividi a Calderaro. Dall’altra parte Gagliardotto risponde con un bell’intervento sulla conclusione di Crispino. Al 21’ ci prova anche il neo entrato Mazzei: pallone però altissimo. Il gol arriva 5 minuti più tardi: Santamaria pesca Mancino in piena area di rigore, controllo e mezza rovesciata che non dà scampo a Gagliardotto. Il Locri non ci sta e dopo una conclusione acrese con Crispino arriva il pareggio. Azione da manuale di Carella che vede e serve Catania per il definitivo 1-1.

Francesco Spina

Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Contenuto protetto!