Nivica

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Nivica
Nìvica
u cìadu è ffattu scuru
scinna a ffasciaturi
tuttu ntùarnu è jjancu
ha ddighèatu già a llu mancu.
Nìvica
ntùarnu è ttuttu mutu
u sudu si nne jjutu
s’è jjutu a d’ammuccèari
s’è jjutu a quadijèari.
Nìvica
d’adivi carrichèati
i cimi ll’ha chjichèati
pisanti, ùrtani nterra
i cchjica mma u lli sterra.
Nìvica
d’acìalli sun’a ccaccia
si vìdini na traccia
mmìanzu ssu munnu jancu
a ssa menzina e mancu.
Nìvica
pijèamu a via e da “Sìdica”
a chèasa, u focudèaru
e ddassa nivichèari.
Nevica
Nevica
il cielo è diventato scuro,
scende a fiocchi
tutt’intorno è bianco
ne ha fatta tanta all’ombra.
Nevica,
intorno è tutto silenzio,
il sole se n’è andato,
è andato a nascondersi,
è andato a riscaldarsi.
Nevica,
gli ulivi carichi,
le cime son piegate
pesanti, toccano terra,
le piega ma non le spezza.
Nevica,
gli uccelli sono a caccia
se vedono una traccia,
in mezzo a questo mondo bianco
a questa parte d’ombra.
Nevica,
andiamo verso la “Sìdica”
a casa, il camino,
e lascia che nevichi.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!