Na vita chjina

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Na vita chjina
 
Ti nni sta quìatu sutta ssu pergudèatu,
all’urma frisca e llu cantu e di cardilli
pìanzi u tìampu giùvanu mpressa passèatu
pìanzi a quann’èrani nìvuri ssi capilli.
 
Ti vìagnini mmenti i tanti sudura jettèati,
ti vìagnini mmenti i tanti fatighi fatti
mo su ssudu ricùardi e di tìampi passèati
su ssudu ricùardi e chilli tìampi spatti.
 
Ti vena mmenti quanni jìa ccu nnu zappunu,
a botèari stanti ppe cci chjantèari na vigna
ti vena mmenti a prepotenza e du patrunu
chi mmeci e sordi ti paghèava ccu lligna.
 
Pìanzi a quanni rimunnèavi adivi e castagni,
e cchilli pranzi ccu mmestìari i ‘nzarcinèavi
ti ricoglìa ppe cchilli viji spèari e scusagni
mma mancu e na mantra e dupi ti spagnèavi.
 
Guardi i panèari c’alli muri su appichèati,
e ppìanzi quanni i ‘ntrizzèavi ccu lli junci
quanta rrobba bona all’intra ci ho portèati!
rrobba cota all’ùartu e ppuru tanti fungi.
 
Ti vena a mmenti quanni jia a binnimèari,
quanni priparèavi i vutti intr’u parmìantu
tra canti e gioia chill’uva alla zampèari
e cchill’orduru e mustu spèasu e du vìantu.
 
Guardi d’aria vicinu duvi mo si assettèatu,
e ti vena mmenti quanni i spichi spoderèava
ti vena mmenti d’aiutu e chillu parentèatu
e alla “crisciuta” si mangèava e s’abballèava.
 
Ti vena mmenti tuttu chissu e mo tu chjàngi,
ca chillu tìampu ha ffattu na brutta fina
e llu tìampu e mo ccu cchillu nun ci u cangi
ccu llu tìampu tua, chillu tìampu e vita chjina.
Una vita piena
 
Te ne stai quieto sotto un pergolato,
all’ombra fresca e al canto dei cardelli
pensi il tempo giovane, in fretta passato
pensi a quand’erano neri questi capelli.
 
Ti viene in mente il tanto sudore buttato,
ti viene in mente il tanto lavoro fatto
adesso sono solo ricordi dei tempi passati
sono solo ricordi di quei tempi bui.
 
Ti viene in mente quando andavi con la zappa
a zappare terreni duri per piantare una vigna
ti viene in mente la prepotenza del “padrone”
che invece di soldi ti pagava con legna.
 
Pensi a quando potavi ulivi e castagni,
e quei rami con mestiere li facevi a fascine
rincasavi per quelle vie impervie e nascoste;
 nemmeno di un branco di lupi avevi paura.
 
Guardi i panieri che ai muri stanno appesi,
e pensi a quando li intrecciavi con giunchi
quanto cibo buono all’interno hanno portato!
Cibo raccolto nell’orto e anche tanti funghi.
 
Ti viene in mente quando si vendemmiava,
quando preparavi le botti nel palmento
tra canti di gioia quell’uva veniva pigiata
e quell’odore di mosto sparso dal vento.
 
Guardi l’aia vicino dove tu ora sei seduto,
 ti viene in mente lo spoglio delle pannocchie
ti viene in mente l’aiuto dei parenti
e alla fine si mangiava e si ballava.
 
Ti viene in mente tutto questo e ora tu piangi,
perché quel tempo ha fatto una brutta fine
e il tempo di adesso con quello non lo cambi
con il tempo tuo, quel tempo di vita piena.
Bata - Via Roma - Acri

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!