Da che parte stiamo

Bata - Via Roma - Acri

Nessuna censura a Scopelliti e nessuna opposizione al sindaco!

 Quella del comitato è stata ed è una presa di posizione di coerenza.

A noi interessa la tutela della salute di noi cittadini e solo di questo ci occupiamo!

I giochi politici e le arroganti contrapposizioni a tutti i costi li lasciamo volentieri ad altri.

 E se rispondiamo con garbo e cortesia allo “sgarbo” di certi contatti o di certi comunicati e interviste, è perché noi siamo “differenti”.

Ci piace comunicare e non attaccare senza ragione chi dovrebbe condividere i nostri stessi obiettivi e manifestare la nostra stessa posizione verso Scopelliti che è stato l’artefice dell’avvio del ridimensionamento del nostro ospedale.

 NOI “siamo liberi” cittadini e non abbassiamo certo la testa.

È chiaro che, se non c’è unità di posizione e di intenti tra l’amministrazione Capalbo, i cittadini, i comitati e le associazioni del territorio –  cosa che noi abbiamo sollecitato anche recentemente – a rimetterci sarà sempre e solo  la città e noi cittadini.

Il sindaco ha preannunciato un ricorso al TAR per i  6 posti letto tagliati.

Da cittadini,  sappiamo sulla nostra pelle  che, se non si ripristinano i servizi persi, l’ospedale  è  ormai morto e recuperare i posti letto persi non può  essere  “abbastanza” per chi ogni giorno  ha necessità  di cura.

Il livello di insofferenza per la mancata tutela della salute è ormai saturo: i cittadini, anche se a livello individuale, cominciano a contestare fortemente l’attuale stato della sanità acrese.

Purtroppo, anche nel passato,  non c’è mai stata unità e convergenza su questo tema,  per cui le scelte della politica e dei commissari in tema di salute,  da Scopelliti e Loiero, per  finire oggi ad Occhiuto, hanno sempre danneggiato la collettività.

In altri paesi calabresi l’UNITÀ ha portato a vincere ricorsi al TAR, come a Trebisacce e a fare lotte condivise per la riapertura di ospedali, come è successo a Cariati.

Il comitato, fin dalla sua legale costituzione, ha dato la sua disponibilità a collaborare con le istituzioni,  purtroppo  l’amministrazione, dopo un primo impegno a lavorare insieme, ha poi preferito proseguire da sola senza alcun approccio collaborativo.

Noi continueremo a dare il nostro contributo di idee e di impegno con tenacia, coerenza e serietà, cose di cui dovremo rispondere solo alla nostra coscienza.

 Le scelte politiche che si vorranno fare a livello regionale e locale invece, saranno giudicate dai cittadini nelle cabine elettorali e non  sta certamente a noi farlo oggi.

Comitato “Uniti per l’ospedale Sant’Angelo d’Acri”

Bata - Via Roma - Acri

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!