Una pagina di storia acritana  opportunamente fatta dimenticare

Bata - Via Roma - Acri

Fra varie carte appartenenti al mio nonno materno, Filippo Giuseppe Capalbo, trovo qualcosa di interessante storicamente, che vale a capire, anche, come chi opera disinteressatamente per gli altri è preso di mira dai maneggioni di sempre.

Il suddetto ricoprì, non sappiamo per quanto tempo, la carica di presidente della Cassa di Prestanza Agraria unita alla Congregazione di Carità di Acri.

I seguenti sono documenti interessanti per chi avesse voglia di ricostruire la vita di detta cittadina in quegli anni.

Il 16 maggio 1920, perciò, il Capalbo indirizzò all’ “On. avv. Sig. Tommaso Arnone, Cosenza” la seguente lettera:

“Egregio ed onorevole amico, credo abbi conoscenza che esiste qui una cassa di prestanza agraria, la quale non può funzionare per la cocciutaggine di qualche impiegato della prefettura. Si tratterebbe dunque di far approvare dal prefetto:

1° la deliberazione che designa a cassiere il sig. Luigi Feraudo;

2° la deliberazione del R. Commissario, con la quale si autorizza lo svincolo delle somme di pertinenza della cassa ed erroneamente intestate al Comune.

Sarà bene poi far intendere al Prefetto, se mai alcuno abbia fatto intendere a lui, che non apparteniamo noi agli sbafatori del pubblico denaro, e che se facciamo alcuna cosa, essa facciamo perché teniamo troppo a cuore i pubblici interessi. Contrariamente a questa giusta richiesta io, il segretario e tutta l’amministrazione, costretti all’inazione, ci troviamo nella dura necessità di dimetterci.

Ti prego dunque di far mandare approvate le due deliberazioni con cortese sollecitudine, anticipandone molti e molti ringraziamenti.

Saluti cordiali anche dagli amici

Tuo sempre

Filippo Giuseppe Capalbo”

Come fossero andate le cose non sappiamo dirvelo.

Sarà interessante, ancora, conoscere la bozza del seguente manifesto tracciato sullo stesso foglio:

“Cassa di Prestanza Agraria

Aggiunta alla Congregazione di Carità

del Comune di Acri

Si rende noto al pubblico che la Cassa di Prestanza Agraria di questo Comune, è disposta da oggi ad erogare prestiti agli agricoltori, che vogliono acquistare del bestiame, al tasso del 4% e fino alla concorrenza di £ 2.000, a norma della deliberazione del 16.8.1919”.

Acri 23 maggio 1920

Il Presidente                                  Il segretario”.

Com’è noto il mondo è dei maneggioni e non di chi si batte per il bene comune.

Giuseppe Abbruzzo

Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!