fbpx

HortusAcri, sul Psc l’amministrazione comunale indichi una visione di futuro

Il Piano Strutturale di Acri, ovvero quello che un tempo si chiamava Piano Regolatore, segna il passo da quando la Legge regionale 19/02, ormai a dieci anni dalla sua attuazione, ne ha istituito l’obbligo per tutte le amministrazioni Calabresi. Dopo vari fallimenti iniziali, questo nuovo strumento urbanistico che dovrebbe differenziarsi per modalità e contenuti dai vecchi PRG, è attualmente in corso di stesura ad opera di un gruppo di lavoro guidato dalla docente Francesca Moraci della Facoltà di Architettura di Reggio Calabria. 

La procedura, prevista dalla legge regionale, obbliga la partenza del Piano con un Documento Preliminare da cui deve poi scaturireil vero processo di elaborazione del Piano Strutturale, soprattutto con la partecipazione di cittadini, forze sociali, soggetti attivi. Ad oggi, nel caso di Acri, questa procedura è stata sovvertita perché si sta procedendo, da alcuni anni, con esperienze di idee e proposte per Acri, condotte sostanzialmente attraverso Laboratori di progetto che hanno visto soprattutto gli studenti di Architettura e Pianificazione, protagonisti di questa fase. Lo stesso invito divulgato ieri dai media locali, ai cittadini acresi, ad essere presenti a Reggio Calabria, il 14 maggio prossimo, va in questa direzione: voler spostare l’elaborazione del Piano Strutturale su un livello sperimentale accademico, che rischia, con tali modalità, di fare assumere ad uno strumento così delicato e importante, scarse ricadute sulle previsioni di cambiamento per il vero percorso amministrativi del Piano, che, nel contesto di Acri, realtà estesa e complessa, ben altro meccanismo richiede, inclusa l’istituzione di un vero Ufficio del Piano.

Se di questa procedura a colpi di “Laboratori di progetto”possiamo condividere l’originalità e attualità di procedere sul livello delle proposte, c’è, al contrario da chiedersi come le Amministrazioni di Acri, risultino in questa e altre precedenti fasi, palesemente soggetto passivo, ossia del tutto  incapaci di indicare esse stesse una visione di futuro, senza perciò attendere che la bacchetta magica delle idee di Piano Strutturale, facciano il miracolo atteso di cambiare lo stato attuale delle cose. 

Quando si commissiona, a chiunque, un progetto così complesso come un Piano urbanistico, il primo ad avere le idee chiare deve essere il committente, perché il progettista segue e traduce con la propria esperienza i desideri di sviluppo di crescita, di rigenerazione urbana e quanto altro.

Quale sia la dunque direzione di questo Piano, quella che avrebbe dovuto o voluto avere, pertanto ad oggi non è dato intenderlo, soprattutto perché su questo delicato, quanto difficile strumento, si gioca ancora un pezzo di possibile futuro di Acri, e non solo dei centri urbanizzati, ma delle infinite e potenziali risorse che il paesaggio di questo vasto comune ancora conserva intatte e in attesa di possibili valorizzazioni. 

Altre realtà ammnistrative, più grandi o più piccole hanno scelto la via del “consumo di suolo zero”, cioè non lasciare costruire altro cemento, oltre quello esteso e ad oggi realizzato: non è l’edilizia il volano di sviluppo del sud, lo dimostrano i fatti, nel fallimento di un modello urbanistico ed economico oggi in agonia proprio per questa scelta miope! La ricchezza di Acri, come di altre tante realtà meridionali sono ancora la bellezza della natura, il cibo, l’aria, la cultura, la storia, la memoria, l’agricoltura biologica, il paesaggio e le sue dense variazioni cromatiche, un turismo lento e adeguato alla lontananza da grandi infrastrutture.

Noi tutti abbiamo il dovere di vigilare, suggerire, orientare scelte che non ci vedano succubi di decisioni altrui: un Piano Strutturale è tale solo se è davvero vissuto con la partecipazione di cittadini e forze sociali, che oltre ad indicare desideri, idee, percorsi, maturano con la diversa consapevolezza di una crescita differente e sostenibile. La legge regionale urbanistica, tra le diverse cose positive, prevede l’istituzione di un Urban Center, ossia un luogo specifico dedicato alla condivisione con tutta la città, del percorso di costruzione del Piano Strutturale, un luogo dove si espongono le elaborazioni in progress; basta anche l’atrio del Municipio, per esempio, e suggeriamo agli amministratori acresi di istituirlo il prima possibile, di credere in questi ed altri percorsi innovativi, di fare in modo di essere veri committenti di questo Piano, di non attendere che siano altri a tracciare la rotta di un diverso futuro, di imprimere un iter diverso e realmente democratico, partecipato, trasparente, fattivo, propositivo, perché il disegno urbanistico è una conseguenza di una scelta del modello economico. Proprio per questo il Piano strutturale di Acri, dovrebbe essere sviluppato nella nostra città/comunità, come un laboratorio permanente nel quale raccogliere dati, elaborare, progettare e interfacciarsi con la comunità.  “I piani si fanno camminando sul territorio, possibilmente a piedi”, sosteneva durante la prima occasione di redazione Pierluigi Cervellati. L’amministrazione di Acri, dia un segno di cambiamento e attenzione a questi e altri temi, ne vale del futuro di una grande comunità che ancora può sperare nel cambiamento!

Collettivo HortusAcri

Iscriviti per rimanere informato

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Francesco Foggia ha detto:

    Concordo con la neccessità di aprire la discussione sul PSC (e l’esposizione dei progetti specifici) ad Acri e nelle sue contrade.
    Quando appresi la notizia, ai primi di dicembre 2018, della premiazione di due progetti sulla riqualificazione urbana di Acri alla Triennale di Milano il seguente commento: “… Queste proposte, come le altre esposte nei precedenti workshop, mirano a rispondere a livello urbanistico alle aspettative degli abitanti di una cittadina (Acri) che necessita di essere rivitalizzata. Gli studi per l’elaborazione del PSC di Acri tendono a far conoscere le peculiarità del suo vasto e variegato territorio (20.000 ettari e numerosi centri abitati) suggerendo idee o programmando interventi, anche mirati, per utilizzare, però, tutte le sue potenzialità ambientali (fisiche, naturali, umane) in un contesto di interazioni sociali, culturali ed economiche con i paesi e città circostanti. Il PSC non dovrebbe dare risposte SOLO per qualificare il centro urbano di Acri, ma guardare allo sviluppo, soprattutto economico, di tutto il suo territorio comunale, previa, naturalmente, la conoscenza, il rispetto, la salvaguardia e la valorizzazione di tutte le sue risorse ambientali (reali e potenziali).”
    Approfitto dell’occasione per precisare, nel caso si attribuissero responsabilità al sottoscritto ( incaricato dal 23.5.2007 a redigere la Relazione Geologica del PSC di Acri ed esonerato dall’incarico il 23,7.2014, prot. 13168), che io ho fornito all’arch. Cervellati, progettista originario del PSC di Acri, una carta di sintesi operativa sulle problematiche di tutto il territorio acrese dopo pochi mesi dall’incarico e, successivamente, altre carte di analisi. Inoltre, l’ 8.8.2014 (prot. 14312), comunicavo al sindaco N. Tenuta che ero disponibile a consegnare tutta la Relazione Geologica con gli allegati cartografici elencati nella Convenzione del 23.5.2007.
    Il 5.9.2014 (prot. 15970) informavo anche i capigruppo (compreso il consigliere Pino Capalbo, oggi sindaco) ed il Presidente del Consiglio Comunale di questa mia totale disponibilità.
    Il Comune di Acri, già dal 8 agosto 2014 (quasi 5 anni fa), poteva fornire ai progettisti incaricati a redigere il PSC la documentazione geologica e sismica sul territorio, basilare per portare a termine l’elaborazione del PSC secondo la normativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!