fbpx

Cchi nni sa

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Cchi nni sa …
 
Cchi nni sa e chilli tìampi passèati,
tu chi si nnèatu intr’u progressu,
e chilli vasuni ccu lla zita arrobbèati,
e nnu ppotiri èsciari senza permessu.
 
Cchi nni sa e chilli nottèati e fèari,
alla banna e papà e dde nannuzzu,
ma no alli discotechi a ballèari!
ma ppe ffèari nàsciari nu vitelluzzu.
 
Cchi nni sa e nu stirillu fatt’e dignu,
e cchilli viji viji ccu ll’amici a jochèari,
e ddi caduti, alli jinocchja u signu,
duv’èrani i compiuter ccu lli cellulari?
 
Cchi nni sa e d’orduru e dardu arrustutu,
e chill’ùagliu strichèatu a llu pèanu,
o e du formaggiu e du dattu mungiutu,
mangèari nostrèanu, mangèari sèanu.
 
Cchi nni sa e chilli viji tutti spèari,
ccu lli ciucci càrrichi e digni,
a cchill’irti ccu cchill’affannèari,
quanti sudèati, quanti jestigni.
 
Cchi nni sa e chilli tinti vernèati,
chjini e niva e dde purbarinu,
a cchilla vampa e cerza arrotèati,
mo c’è lla stufa e llu termocaminu.
 
Cchi nni sa e di gammèadi a lli piadi,
e ddi zappi alli terri affunnèati,
ccu lli schchini chjichèati all’arrìadi,
mo su ttutti ingegnìari e avuchèati.
 
Cchi nni sa e chilli spichi metuti,
appena jùarnu, na fàvuci appedunu,
alla finita, banchìatti e ccummiti,
no mmò, c’appena si fa llu pascunu.
 
Cchi nni sa e chilli mandri pasciuti,
pìacuri e ccrèapi, assìami mischchèati,
quann’era nnotti, venìani trasuti,
sempri i stessi, èrani tutti i jurnèati.
 
Cchi nni sèani e tuttu chissu i giùvani,
illi su nnèati a nnu munnu madèatu,
tutti i jùarni, jòcani dùarmini e ccùvani
e ssu munnu, vodissa ccangèatu.
Che ne sai
 
Che ne sai di quei tempi passati,
tu che sei nato nel progresso,
di quei baci con l’amata, rubati
e non poter uscire senza il permesso.
 
Che ne sai di quelle nottate da fare,
a fianco di papà e di nonno,
ma non nelle discoteche a ballare!
Ma per far nascere un vitellino.
 
Che ne sai di uno “stirillo” di legno,
 in quelle vie con gli amici a giocare,
e dalle cadute, alle ginocchia il segno,
dov’erano i computer con i cellulari?
 
Che ne sai dell’odore di lardo arrostito,
e quell’olio strofinato sul pane,
o del formaggio di latte munto,
cibo nostrano, cibo sano.
 
Che ne sai di quelle vie impervie,
con gli asini carichi di legna,
per quelle erte con quell’affannare,
quante sudate, quante bestemmie.
 
Che ne sai di quei freddi inverni,
pieni di neve e di nevischio,
a quella fiamma di quercia, attorniati,
ora c’è la stufa e il termocamino.
 
Che ne sai dei gambali ai piedi,
e delle zappe nel terreno affondate,
con la schiena piegata all’indietro,
ora sono tutti ingegneri e avvocati.
 
Che ne sai di quelle spighe mietute,
appena l’alba, una falce ciascuno,
alla fine, banchetti e convivi,
non ora che a malapena si fa pasquetta.
 
Che ne sai di quelle mandrie pascolate,
pecore e capre insieme, mischiate,
quando era notte venivano rinchiuse,
sempre lo stesso, erano tutti i giorni.
 
Che ne sanno di tutto ciò i giovani,
loro sono nati in un mondo malato,
tutti i giorni, giocano, dormono e covano,
e questo mondo andrebbe cambiato.
Iscriviti per rimanere informato

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!