fbpx

All’adivi e di “costi”

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
All’adivi e di “costi”
 
N’azèamu tutti assonnèati e ffriddudusi,
na càvuda tassa e dattu ni vivimu,
alli costi ninni jèamu senza trovèari scusi,
prima coglimu d’àdivi, prima d’ùgliu facimu.
U riroggiu e Padìa sona quattru rintùacchi,
pu nni sona n’èatri setti, mo su lli setti,
ancora fa friddu e ccu nna manta t’arrùacchi,
facimu na vampèata ccu lli disti e di cascetti.
Vruscèamu puru chilla rimunna sicchèata,
ch’era rimasta ammitèata lla e d’annu prima,
e aspettèava st’anni ppe d’èsari vruscèata,
ppe ffèari postu alla rimunna e da nova cima.
Pu guardi cuntìantu chilli chianti carrichèati,
ccu ttutti chilli cimi votèati alla mmressa,
pìanzi ca ugnettanti cci su puru i bonannèati,
stanni u vìarnu è ttintu, èam’e fèari mpressa.
U riroggiu e Padìa sona quattru rintùacchi,
pu nni sona n’èatri novi, mo su lli novi,
dua sacchi su attacchèati ccu lli tùacchi,
e sto aspèttanni u mmastu, e cchini i mmovi?
Mo u sudu ha quadijèatu ssa jurnèata fridda,
mo si cogli mpressa, catrizza doppi catrizza,
u friddu e stamatina n’ha ccaccèatu a sidda,
mma n’ha ddunèatu all’ùacchji cuntentizza.
Ca guardi ccu ppiaciri tutti chilli chianti,
finiti e cògliari fina all’ùrtimu coccitìallu,
e mmo su rrimasti ncudunudi e bacanti,
ma u panèaru chjinu è ppropiu tantu biallu.
U riroggiu e Padìa sona quattru rintùacchi,
pu nni sona n’èatri dùdici, è mmenzijùarnu!
dassèamu tuttu, panèari, sacchi e ttùacchi,
e alla pezza, ni jèamu arrotèamu ntuarnu.
Ca a fèama  mo è ppe ddaveri cunchiuta,
ca è ppropiu pisanti a ccògliari ss’adivi,
ma alla fina quanni e du trappitu è lla venuta,
è ccumi nu vìarsu e na poesia quanni u scrivi.
Vers’a mmrunèata sònani quattru rintùacchi,
pu nni sònani n’èatri sia, mo su lli sia,
cincu su lli sacchi attacchèati ccu lli tùacchi,
e mmisi sup’a ciuccia jèamu ppe cchilla via .
Agli ulivi delle “coste”

Ci alziamo tutti assonnati e infreddoliti,
beviamo una calda tazza di latte,
alle coste c’è ne andiamo senza scuse,
prima finiamo le olive, prima facciamo l’olio.
L’orologio di Padia suona quattro rintocchi,
poi ne suona altri sette, adesso sono le sette,
ancora fa freddo, ti copri con un mantello,
facciamo un falò coi listelli delle cassette.
Bruciamo anche la potatura secca,
che era rimasta li dall’anno prima,
e aspettava quest’anno per essere bruciata,
per far posto alla potatura del nuovo ramo.
Poi guardi felice quelle piante cariche,
con tutti quei rami capovolti dal peso,
pensi che ogni tanto ci sono le annate ricche,
l’inverno è rigido, e dobbiamo sbrigarci.
L’orologio di Padia suon quattro rintocchi,
poi ne suona altri nove, adesso sono le nove,
due sacchi sono legati con le corde,
aspettano il basto, e chi li muove?
Il sole ha riscaldato questa fredda giornata,
adesso si raccoglie in fretta, ramo dopo ramo,
il freddo di stamattina ci ha tolto la sete,
ma ha dato agli occhi contentezza.
Perché ammiri compiaciuto tutte quelle piante
finite di raccogliere fino all’ultimo coccio,
e adesso sono rimaste nude e vuote,
ma il paniere pieno e proprio tanto bello.
L’orologio di Padia suona quattro rintocchi,
poi ne suona altri dodici, è mezzogiorno!
Lasciamo tutto, panieri sacchi e corde,
e andiamo tutti attorno alla tovaglia.
Perché la fame adesso è veramente tanta,
perché è molto faticoso raccogliere olive,
ma alla fine quando si ritorna dal frantoio,
è come un verso di poesia quando lo scrivi.
Verso l’imbrunire suonano quattro rintocchi,
poi ne suonano altri sei, sono le sei,
cinque sono i sacchi legati con le corde,
e messi sopra l’asino andiamo verso casa.
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
Loading
Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!