Allu dustru e na cannida

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Allu dustru e na cannida
 
Na vota quann’era nnu guagliunu,
e lli tìampi èrani amèari cumi a trigna
alla mmrunèata n’arrotàvamu ugnedunu
a cchilla  vambarella e sarmìanti e vigna.
 
Papà stancu e na jurnèata e zappa,
si quadìa lli pìadi gedèati e da tramuntèana
attunna nu ntippu e sùvaru ccu nna dappa,
i spalli arrocchèati, ccu nna cuverta e dèana.
 
Mamma pija nu stùazzu e cannida,
ll’appìccia e lla minta supa a cimineja,
ca mo è quèasi scuru e un si cci vida
povarella, pur’illa è stanca e da catreja.
 
Pu pija nn’èacu e nna carrozzella e fidu,
e dduna nnu puntu a nnu quazunu scighèatu
ugnettanti s’abbenta e mmùzzica a nnu midu
attramenti u scuru è ssempri cchiù mporzèatu.
 
Si guàrdani amurusi a cchilla duci mortacina,
si fèani na carizza a cchilli facci gedèati
ca u tìampu passa, u tìampu va e ccamina
e d’illi na vita ntèra si su ssempri amèati.
 
Mo, ssa cannida chi chièanu chièanu si struda
i ggùarda intra chill’ùacchji ducenti,
e quann’è mmorta e lla stanza diventa scura
allu pàspunu, vèani a rriposèari i menti.
Alla luce di una candela
 
Tempo fa quand’ero ragazzo,
e i tempi erano amari come il fiele
al tramonto ci mettevamo attorno
a quella fiamma di viti della vigna.
 
Papà stanco dopo una giornata con la zappa,
si riscalda i piedi gelidi dalla tramontana
arrotonda un tappo di sughero con un coltello,
le spalle arroccate con una coperta di lana.
 
Mamma prende un pezzo di candela,
l’accende e la posa sul caminetto,
adesso è quasi buio e non si vede nulla
poverina, anche lei è stanca dalle spalle.
 
Poi prende un ago e una spola di filo,
e rattoppa un pantalone strappato
ogni tanto si riposa e morde una mela,
nel frattempo il buio è sempre più aumentato.
 
Si guardano teneramente a quella luce fioca,
si accarezzano con quei visi infreddoliti
il tempo passa, il tempo è in cammino
e loro una vita intera si sono sempre amati.
 
Ora, questa candela che piano si consuma,
li guarda dentro quegli occhi lucenti,
e quando è consumata e la stanza diventa buia
a tastoni, vanno a riposare le menti.
Iscriviti per rimanere informato
Bata - Via Roma - Acri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!