fbpx

Mi ricùardu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino

…Mi ricùardu,

a chèasa mia e na vota

era ppittirilla, era rricota

e càmmari nu pèari

e tuttu lla s’avìa dde fèari;

una era ppe lli notti,

d’èatra, ppe lli minestri cotti

ma c’era tuttu

e u nsi ci stèava ncuttu!

Nu focudèaru bellu rannu

ppe acquetèari u friddu e tannu.

…Mi ricùardu,

sup’a cimineia

nu queatr’e da Madonna chi si preia

na petra e llu sazìaru

fatt’e dignu, a maiestìaru

nu stùazzu e na cannida

nu sacchettìallu e tida.

…Mi ricùardu,

ca c’era lla molla e pur’u spitu

chi serbìa ppe llu chiuritu;

ci mpidavam’a sazizza

e bidìa cchi ccuntentizza!

…Pu mi ricùardu,

i digni misi ncruci

e nnu panèaru chjin’e nuci

u trìpitu, a pignèata,

a padetta e nna cannèata.

…Mi ricùardu puru

na ciarriglia e nnu rizzudu,

na pisarra ccu nnu sadaturu

nu fusu ppe ffidèari

e nnu dumu ppe allucèari.

Mi ricùardu,

na ccettulla pittirilla ppe pputèari

vicin’a vasca ppe davèari,

e alla rèasa

na petra e sapunu fatta n’chèasa.

…Mi ricùardu,

ch’era dde crita u pavimenti,

chilli mura senza nenti

ncunu chiuavu sudamenti

ppe u nci vìdari vacantu

ma no queatr’appichèati

c’erani sudu usanzi cunzumèati.

…N’èatra cosa mi ricùardu,

alli trèavi

a cannizza ccu llu pèanu

na riglièara ppe llu rèanu

nu prisuttu appena ruttu

appichèati,

dua catrizzi ccu granèati

…e pu, cumi fazz’a mmi scordèari

a papà ccu mammarella

a Francu, a Sarina e a d’Antonella

crisciuti assiami tutti lla

a cchilla chèasa ricota

a cchilla chèasa e na vota.

…Mi resta llu ricùardu

e d’iu mu tìagnu chèaru

e nnu mmu scùardu.

MI RICORDO

Mi ricordo/ casa mia di allora/ era piccola, era raccolta/di camere, un paio/ e tutto li si doveva fare/una era per le notti/ l’altra per le minestre cotte/ ma c’era tutto/ e non si stava stretti/ un camino bello grande/ per calmare il freddo di allora/ mi ricordo/ sul camino/ un quadro di una Madonna che sorride/ una pietra e il mortaio/ fatto di legno, con maestria/ un pezzo di candela/ un sacchetto di tela/ mi ricordo/ che c’era la pinza per i carboni e lo spiedo/ che serviva per lo sfizio/ ci infilzavamo la salsiccia/ e vedessi  che allegria!/poi mi ricordo/ la legna incrociata/ un paniere pieno di noci/ un treppiede, una pignatta/ una paletta e una cannata/ mi ricordo pure/ dei contenitori per l’acqua/ un’orcio e vaso per salamoia/ le fusa per filare/ un lume per far luce/ mi ricordo/ un’accetta piccola per potare/ vicino la vasca per lavare/ e di fianco/ una forma di sapone fatto in casa/ mi ricordo/ che era di creta il pavimento/ quei muri senza niente/ qualche chiodo soltanto/ per non essere vuoti/ ma non quadri appesi/ c’erano solo usanze consumate/ un’altra cosa mi ricordo/ alle travi/ un contenitore di canne per il pane/ un setaccio per il grano/ un prosciutto appena iniziato/ appesi/ due mazzi di melograni/ e poi, come faccio a non ricordarmi/ a papà con mamma/ a franco a Sarina e a Antonella/ cresciuti assieme tutti la/ in quella casa raccolta/ in quella casa di una volta/ mi resta il ricordo/ ed io me lo tengo caro e non me lo dimentico/.

Bata - Via Roma - Acri
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
Loading

Rispondi

error: Contenuto protetto!