fbpx

Siria spurtunèata

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Siria spurtunèata
 
Terra vruscèata e du fùacu,
e di bummi e ddi mitragliatrici,
guagliuni c’u ccanùscini u jùacu,
u ccanùscini mancu l’amici.
 
Spurtunèata Terra,
Terra abbannunèata e Diu,
Terra cunsignèata alla guerra,
tena dda vita u risìu.
 
U jùarnu è ssempri anneglièatu,
mèai si vida llu sudu,
e da pùrbara è ssempri ammuccèatu,
puru d’acìalli s’ho scordèatu u vudu.
 
I chèasi su ttutti sciollèati,
i menti e di genti, vacanti,
i guagliuni ppe ssempri signèati
signèati ppe ssempri li menti.
 
A ssa Terra, tutti i misi è nnovembri,
tutti i jùarni si chiàngini mùarti,
è Terra signèata ppe ssempri,
è Terra cummannèata e di stùarti.
 
Nu miràcudu e lla ssupra ci voderra,
cangèari l’odiu ccu ll’amuri,
si scordàssini ppe ssempri la guerra
e ss’amàssini tutti i razzi e lli cuduri.
Siria sfortunata
 
Terra bruciata dal fuoco,
dalle bombe e dalle mitragliatrici,
bambini che non conoscono il gioco,
non conoscono neanche gli amici.
 
Sfortunata Terra,
Terra abbandonata da Dio,
Terra consegnata alla guerra,
 tiene della vita il desiderio.
 
Il giorno è sempre annebbiato,
mai si vede il sole,
dalla polvere è sempre nascosto,
anche gli uccelli si son dimenticati il volo.
 
Le case sono tutte crollate,
le menti della gente, vuote,
i bimbi per sempre segnati,
segnate per sempre le menti.
 
In questa Terra tutti i mesi è novembre,
tutti i giorni si piangono morti,
è Terra segnata per sempre,
è Terra comandata dagli stolti.
 
Un miracolo da lassù ci vorrebbe,
cambiare l’odio con l’amore,
si scordassero per sempre la guerra,
e si amassero tutte le razze e i colori.
 
Iscriviti per rimanere informato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!