U cànciu e di dìanti

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
U cànciu e di dìanti
 
“Muru vìacchiu e mmuru nùavu,
tè u vìacchiu e dammi u nùavu,
forti forti cumi nu chiùavu
e jancu cumi na cozza e ùavu”.
 
Ssa rumanza avìani e diri,
chilli quatrèari tutti i siri
ppe lli nàsciari li dìanti
e restèari illi cuntìanti.
 
Quanti spamìantu chilli quatrèari,
quanni u vìacchiu s’avìani e tirèari
ccu nnu spèacu nannarella
e ccu nna bella rumanzella.
 
Na chiangiuta ppe llo doduru,
nu grupu e trovèari a cchillu muru
a cuntentizza appena trovèatu,
mpressa mpressa u dìantu mpizzèatu.
 
Pu,quanni u dìantu campijèava,
arrotèati a cchilla chèava
ranni e ppittirilli
a zumpèari cumi grilli,
 
ppe ssu dìantu ch’era nnèatu,
intra a vucca campijèatu.
Il cambio dei denti
 
“Muro vecchio e muro nuovo,
tieni il vecchio e dammi il nuovo,
forte come un chiodo
e bianco come un guscio d’uovo”.
 
Questa romanza dovevano dire,
quei ragazzi tutte le sere
per nascergli i denti
e rimanere contenti.
 
Quante paure quei ragazzi,
quando il “vecchio” dovevano estrarre
con uno spago la nonna
e con una bella storiella.
 
Il pianto per il dolore,
un buco da trovare a quel muro
la felicità appena trovato,
in fretta il dente, nel buco inserito.
 
Poi quando il nuovo dente fuoriusciva,
attorniati in quel vicolo
grandi e piccoli
a saltare come grilli,
 
per questo dente che era nato,
nella bocca sbucato.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!