fbpx

D’anni mia

Il Vernacoliere di Angelo Canino
D’anni mia
 
Appoggèata allu bastunu,
u passu chjèanu e stùartu,
è pisanti ssu scadunu,
ppe ll’anni chi mi pùartu.
 
Ugne ppassu è nn’abbendèata,
ca stanchizza mo nni tìagnu,
ugne mmetru è nna sudèata,
ma camignu ccu llu ngìagnu.
 
Signu stèata pucciudilla,
alla fassa adderizzèata,
e da chèasa era lla stilla,
e tutti quanti vasunièata.
 
Pu quatrèara signu fatta,
jia alli scodi a mmi mparèari,
furba e sbrigna cumi a gatta,
sempri accorti avìa dde stèari.
 
Su ffujuti pu chill’anni,
dappellà u tìampu camina,
ccu sacrifìci e ccu d’affanni,
signu fatta signorina.
 
E’canusciutu nu guagliunu,
e mmi c’è spartutu a vita,
na vadìgia de cartunu,
mi ll’ha scucchjèatu appena zita.
 
Prena rossa m’ha ddassèatu,
m’ha pprumisu e da venuta,
tantu tìampu unn’ ppassèatu,
e lla vadìgia unn’è cchiù partuta.
 
E ppassàvani chill’anni,
e ccriscìa ssa vita mia,
è ccrisciuta fin’acquanni,
vèaiu arrancanni ppe ssa via.
 
Mo acchjèanu ssu scadunu,
e lla cudilla schchetrichìa,
appoggèati a ssu bastunu,
ci su ttutti d’anni mia.
I miei anni
 
Appoggiata al bastone,
il passo lento e sbilenco,
è pesante questo gradino,
per via degli anni che ho.
 
Ogni passo è una sosta,
perché stanchezza ne ho tanta,
ogni metro è una sudata,
ma cammino con l’ingegno.
 
Sono stata una neonata,
alle fasce raddrizzata,
della casa ero la stella,
da tutti quanti baciucchiata.
 
Poi ragazza son diventata,
andavo a scuola ad insegnarmi,
furba e scaltra come il gatto,
sempre attenta dovevo essere.
 
Sono fuggiti poi quegli anni,
veloce il tempo cammina,
con sacrifici e con affanni,
son diventata signorina.
 
Ho conosciuto un ragazzo,
e gli ho dato la mia vita,
una valigia di cartone,
me l’ha tolto appena sposa.
 
In attesa mi ha lasciato,
mi ha promesso il ritorno,
non è passato tanto tempo,
e la valigia non è più partita.
 
E passavano quegli anni,
e cresceva la vita mia,
è cresciuta fino a quando,
vado affannando per questa via.
 
Ora salgo questo gradino,
e la schiena mi fa male,
appoggiati a questo bastone,
ci sono tutti gli anni miei.
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!