fbpx

A cca ciant’anni

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A cca ciant’anni
 
A cca ciant’anni quann all’èatru munnu vèaiu,
vodissa ca a jurnèata fussa bella,
vodissa ca fussa na jurnèata e mèaiu,
quanni d’aria profuma dde rosi e dde cannella.
 
Vodissa èsari vestutu e giuvanìallu,
senza àbitu, cravatta e scarpi ducenti
nu quazunu scighèatu e nnu mantìallu,
na cammisa sbuttunèata e pu cchiù nnenti.
 
U bùagliu chjantu quanni m’accumpagnèati,
ma na sonèata e organetta e tummarinu
ppe m’alleggèari e di mia pecchèati
mangèati pasta e carna e bivìti vinu.
 
Alla càscia cci vodissa na finestrella,
ppe potiri ugne ttanti campijèari
quanni passa ncuna quatrèara bella
ppe cci potiri nu pocu ciotijèari.
 
E ppu na pinna nova ccu nna dibrettella
ca si mi vota chilla fantasia
intra ssu strittu e ssa cammarella
pianzu a vita passèata e cci fazzu na poesia.
 
A nn’angudicchju na cannèata e vinu e anni,
ppe mmi spracchjèari e di dabbra d’arsuru
deccussì u mmi pìjani madanni
intra ssa càmmara ch’è ssempri allu scuru.
 
Quanni arrivèamu allu cancìallu e Diu,
u ffaciti strùsciu ca si risbìgliani i vicini
conzàtimi bellu mpèaru allu postu miu
ccu llu pigèamu, u berrettu e lli tappini.
 
E jeativinni allu munn vùastru amèaru,
a continuèari a rrìdari e a mmangèari,
a ssèntari u damìantu e llu spèaru,
a bìdari genti e du mèaru arrivèari.
 
Iu mi stèaiu cca, a ssu munnu cittu,
senza fatighèari e ssenza fèari nenti,
ca è veru cumi dici llu dittu:
“chini mora s’acqueta lla menti”
 
 
 
 
 
Tra cent’anni
 
Tra cent’anni quando all’aldilà me ne vado,
vorrei che la giornata fosse bella,
vorrei che fosse una giornata di maggio,
quando l’aria profuma di rose e di cannella.
 
Vorrei essere vestito da giovanotto,
senza abito, cravatta e scarpe lucenti
un pantalone strappato e un mantello,
una camicia sbottonata e poi nient’altro.
 
Non voglio pianto quando mi accompagnate,
ma una suonata di organetto e tamburello,
per alleviarmi dei miei peccati
mangiate pasta e carne e bevete vino.
 
Alla bara ci vorrei un finestrino,
per poter ogni tanto affacciarmi
quando passa qualche ragazza bella
per poterci un po’ scherzare.
 
E poi una penna nuova con un notes
perché se mi prende la fantasia
in questa stretta cameretta
penso al passato e faccio una poesia.
 
In un angolo un po’ di vino dell’anno scorso,
per togliere dalle labbra l’arsura
così non soffro di malanni
in questa stanza che è sempre al buio.
 
Quando arriviamo al cancello di Dio,
non fate rumore perché si svegliano i vicini
aggiustatemi con garbo al posto mio
col pigiama, il berretto e le pantofole.
 
E andatevene al vostro mondo amaro,
a continuare a vivere e a mangiare,
a sentire il lamento e lo sparo,
a vedere genti dal mare arrivare.
 
Io sto qui, in questo mondo muto,
senza lavorare e senza far nulla,
perché è vero come dice il detto:
“Chi muore, sta in pace con la mente”
Iscriviti per rimanere informato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!