fbpx

I ziti … na vota

Il Vernacoliere di Angelo Canino
I ziti … na vota
 
Na vota, quanni ‘ncunu si facìa zitu,
era na cosa bella, ma bella veramenti,
ccu lli parìanti, trovamìanti e ccummitu,
e llu piaciri e du sapiri tutta a genti.
 
Tanni, unn’era cume mmò ch’escìani,
tanni c’era rispettu ppe lli genitori,
avìani e dèari cuntu e chillu chi facìani,
u ppotìani stèari mancu cori e ccori.
 
Sempri guardèati, e da sùara o e du frèatu,
mma si d’ùacchji si trovàvani a girèari,
cum’era biallu! Chillu vasunu arrobbèatu!
e ddappellà u mussu a ssi stujèari.
 
A zita, e astèati, assettèata a nnu settarìallu,
ccu lli vicini avanti chilla cheasicella,
ccu llu ‘ncinettu ricamèava nu coscinìallu,
e ppu i denzuda, a tuvaglia e nna mantella.
 
U zitu, partìa lluntèanu a ffatighèari,
dassanni mamma e ppèatru alla cheasicella,
fina c’u ffacìa lli sordi ppe ssi spusèari,
e rritornèari duvi chilla amèata bella.
 
U jùavu prima e si spusèari, armàvani u dìattu
ccu lli cuverti pregèati e rricamèati,
alla finita, quann’era de bell’aspìattu,
quanti milli diri! supa i cuverti dassèati!
 
A mobìdia, a mmèanu, venìa ccarrijèata,
i cchiù lluntèani, ccu ll’aiutu e nu mudu,
o e dua voji, supa nu carru conzèata,
e da matina, fina a punuta e du sudu.
 
Quanti dàcrimi e cuntentizza, a cchilli facci,
quanni alla ghjiasia pu jìani a ssi spusèari,
i mìannudi, mischchèati a ssordi spicci,
all’esciuta, ppe lla gioia e di quatrèari.
 
E ppu, avanti chilla porta, chilla tavudèata,
ppe cchiùdari allegri, chilla festa bella,
chilla bunnànzia, e da matina priparèata,
e alla fina, tutti a ballèari a tirantella!
 
A socra e da zita, s’affaccèava “malandrina”,
a matina, e allu dìattu, jìa a bìdari u denzudu,
si c’èra lla “màcchia” e da notti prima,
s’era stèatu ruttu u “rizzudu”!
E ppu, cchi ccuntentizza, quanni prena escìa,
subitu jìa a jjettèari u bannu a lli vicini!
nun appena  u jùarnu, allucìa lla via,
e ccu lla menti a ffasciaturi e corredini.
 
Erani cchissi i ziti e  na vota, u matrimoniu,
n’ùaminu e nna fìmmina, famiglia diventèari
no mmò, ch’è stèatu screditèatu e du demoniu
e ssi tìampi, n’u stèani facìanni scordèari.
Gli sposi … un tempo
 
Un tempo, quando qualcuno si fidanzava,
era qualcosa di bello veramente,
con i parenti, convivio di continuo,
e il bello di saperlo la gente.
 
Allora, non era come oggi, che uscivano,
allora, c’era il rispetto per i genitori,
dovevano dar conto di ciò che facevano,
non potevano stare neanche vicini.
 
Sempre osservati, dalla sorella o dal fratello,
ma se si distraevano un attimo,
com’era bello! quel bacio rubato!
       E subito si asciugavano le labbra.
 
La fidanzata, seduta su uno sgabello,
assieme ai vicini davanti l’uscio di casa
con l’uncinetto ricamava un cuscinetto,
e poi le lenzuola, la tovaglia e una mantella.
 
Il fidanzato, partiva lontano a lavorare,
lasciando madre e padre in quella casetta,
finché guadagnava i soldi per sposarsi,
e ritornare dall’amata bella.
 
Giovedì prima delle nozze, si ornava il letto,
con le coperte pregiate e ricamate,
alla fine quando era tutto pronto,
quante mille lire! Sulle coperte lasciate!
 
Il mobilio, manualmente veniva trasportato,
chi era lontano, con l’aiuto di un mulo,
o di due buoi, su un carro aggiustata,
dalla mattina, fino al tramonto del sole.
 
Quante lacrime di gioia, in quei visi,
quando in chiesa andavano a sposarsi,
i confetti, misti a soldi spicci,
all’uscita, per la gioia dei bambini.
 
E poi, davanti casa, quella tavolata,
per chiudere in allegria quella festa bella,
quell’abbondanza, dalla mattina preparata,
e alla fine, tutti a ballare la tarantella!
 
La suocera della sposa, spiava “malandrina”
al mattino, nel letto guardava il lenzuolo;
se c’era la “prova” della notte;
se il matrimonio era stato consumato!
E poi, che felicità, quando era incinta,
subito correva a raccontarlo ai vicini!
non appena l’alba arrivava,
e col pensiero, a fasce e a corredini.
Ecco gli sposi di un tempo, il matrimonio,
un uomo e una donna, diventati famiglia,
non adesso che è stato screditato da satana,
e l’oggi c’è lo sta facendo dimenticare.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!