fbpx

A cchilli tìampi

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A cchilli tìampi
 
A cchilli tìampi arrassisia
c’era guerra e puvertà
era ttìampu e caristìa
povarìalli e ccà e dde llà.
 
Mìanzi scavuzi i viji viji
i quazuni arripezzèati
u lli ppotìani i madatiji
e nnu nsi cadìa mmadèati.
 
Chilli chèasi tutti vecchji
fatt’e crita e dde mattuna
stritti cumi catapecchji
e ‘mpochèati e di carbuna.
 
Tutti ‘ncutti a nna rasella
chillu mangèari fatt’a lli mèani
cci nn’era ppe ttutti na ‘ntiarella
 pasta e da chèasa e ppèan’e jermèani.
 
Mo chilli tìampi suni passèati
sto buani tutti, no ssudu i patruni
ma chissi tìampi, nu bi penzèati
ca su mmìagli e chilli, no c’u nci suni.
In quei tempi
 
In quei tempi Dio mio
c’era guerra e povertà
era tempo di carestia
poveretti di qua e la.
 
Quasi scalzi per le vie i pantaloni rattoppati
eravamo immuni alle malattie
e non ci si ammalava.
 
Quelle case tutte vecchie
fatte di creta e di mattoni
strette come catapecchie
e riscaldate dai carboni.
 
Tutti stretti in un angolo
quel cibo fatto con le mani
c’è n’era per tutti un pochino
di pasta fatta in casa e pane di segale.
 
Ora quei tempi sono passati
stanno bene tutti, non solo i padroni
ma questi tempi, non vi pensate
che sono meglio di quelli, no che non lo sono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!