fbpx

U grastaturu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
U grastaturu
 
Girèava ppe lli campagni a pprimavera,
ccu nnu ciùcciu e ll’attrezzi e da fatiga
cum’arrivèava s’abbuciàvani cum’a fera
u sadutàvani i furisi misi tutti a rriga.
 
Era persuna coraggiusa, era llu grastaturu,
ssu mestìari si ll’avìa mparèatu e guagliunu
grastèava ppùarci e da matina fina u scuru
precisu e attìantu, u nn’i sgarrèava d’unu.
 
Spunìa lla borsa e ttrasìa intra u zimmunu,
quattu, pijèava llu ripassu e llu curchèava
allu tènari fermu, si facìa aiutèari e ncunu
e illu ccu lla dametta pronta, u ‘ntacchèava.
 
Èacu e ffidu e ffacìa nna cusuta allu tàgliu,
na passèata e spiritu ppe un s’ammadignèari
già u jùarnu doppi si sentìa cchiù mmìagliu
e ppotìa nnèatra vota u scifu arrozzidèari!!
 
E llu patrunu era ccuntìantu e puru scujitèatu,
ca quanni l’ammazzèava a carna u ppuzzèava
si ll’ammazzèava quann’era “’mpochèatu”
e lla vìriga ccu tutta a fatiga ll’appizzèava.
 
Mo ssu mestìari anticu u llu fa cchiù nullu,
e du grastaturu un c’è mancu cchiù llu numu
d’attrezzi e da fatiga su jjettèati intra nu vullu
e ssu mestiari s’è cunzumèatu cumi nu dumu.
Il castratore
 
Girava per le campagne a primavera,
con un asino e gli attrezzi da lavoro
appena arrivava si spandeva la voce,
lo salutavano i contadini messi in fila.
 
Era persona coraggiosa, era il castratore,
il mestiere lo aveva appreso da ragazzo
castrava porci dalla mattina alla sera
preciso e attento, non ne sbagliava uno.
 
Posava la borsa ed entrava nel porcile,
cauto, prendeva il suinetto e lo coricava
per tenerlo fermo lo aiutava qualcuno
e lui con la lametta pronta lo tagliava.
 
Ago e filo e cuciva il taglio,
una passata di alcool per non infettarsi
già il giorno dopo si sentiva meglio
e poteva nuovamente rotolare il trogolo!!
 
E il contadino era felice e tranquillo,
quando lo uccideva la carne non puzzava
se lo uccideva quando era in calore
con la verga e il lavoro che andavano a male.
 
Ora questo mestiere antico non lo fa nessuno,
del castratore non c’è neanche più il nome
gli attrezzi da lavoro sono in fondo a un gorgo
e questo mestiere si è spento come un lume.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!