fbpx

A vecchia

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
A vecchia
 
Novant’anni sup’i spalli
alli pìadi cìantu calli
alla faccia milli scrimi
vestimenti, i primi primi.
 
Mill’e ottanta misi
e da vucca chianti e risi
e chill’ùacchji mo pischèati
centineari di guardèati.
 
Trentaduamida
e otticìantucinquanta jùarn’e fida
tristi e allegri su ppassèati
‘nsìami a bìarni e a d’astèati.
 
Arraghèata mo iu signu
arrappèata cum’u dignu
nenti cchiù mo tìagn’a mmenti
signu vecchia, u nsìarb’a nnenti.
 
Sudu na cosa tìagn’e buanu
sacciu u dampu e ssacciu u truanu
ca si vecchia mo sign’iu
e cunzigli bunnanziju.
La vecchia
 
Novant’anni sulle spalle
ai piedi cento calli
al viso mille rughe
abbigliamento, fuori moda.
 
Mille e ottanta mesi
dalla bocca pianti e risate
e quegli occhi adesso rimpiccioliti
centinaia di guardate.
 
Trentaduemila
e ottocentocinquanta giorni di fila
tristi e allegri son passati
insieme ad inverni e ad estati.
 
Senza forze adesso sono
invecchiata come il legno
niente adesso mi ricordo
sono vecchia, non sono buona a nulla.
 
Solo una cosa ho di buono
conosco il lampo e conosco il tuono
perché se vecchia ora sono io
di consigli abbondo.
Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!