fbpx

A giacca e pàtrima

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A giacca e pàtrima
 
M’a ricùardu a ccuduru e da terra,
e chilla terra c’u jùarnu a mpurbarèava,
era llu tìampu appena doppi a guerra,
era llu tìampu chi si meadicampèava.
 
U postu sua era alla spallera e da sèggia,
quann’era ppisanta e da pùrbara pijèata,
na scotidijèata e ddiventèava llèggia,
pronta ppe nn’èatra jurnèata.
 
Intra na sacca c’èra ssempri u muccaturu,
e tutti i quattru zinni era annudèatu,
alla frunta ll’asciuttèava llu suduru,
alla fina e da jurnèata era nzuppèatu.
 
Intra d’èatra sacca, c’era llu curtìallu,
ppe appizzutèari o abbelliri nu jettunu,
ppe ttaglièari u pèanu, allu morsìallu,
ppe mpidèari na sazizza allu carbunu.
 
Na mànica mi ricùardu ch’era scighèata,
mpinta alli ruvetti e chilla spèara via,
mamma ll’avìa ccu ccura arripezzèata,
un ci parìa bella quanni papà s’a mintìa.
 
Ma sa giacca a nullu avìa dde pariri bella,
sudu a ppàtrima avìa dde fèari cumpagnia,
si chiovìa, supa a chèapa ppe d’urmella,
ccu llu vìantu, abbuttunèata ppe lla via.
 
Mo sta suda a ssa spallera e sèggia,
chini ti portèava un c’è cchiù a ssu munnu,
mo si ssenza pùrbara e ssi cchiù llèggia,
e llu ricùardu mia è ssempri cchiù ffunnu.
 
 
 
 
 
 
 
 
La giacca di mio padre

La ricordo come il colore della terra,
di quella terra che il giorno la imbrattava,
era il tempo del dopoguerra,
era il tempo in cui si viveva male.
 
Il suo posto era la spalliera della sedia,
quando era pesante per la polvere presa,
bastava scuoterla e diventava leggera,
pronta per un’altra giornata.
 
In una tasca c’era sempre il fazzoletto,
dai quattro lati, era annodato,
alla fronte gli asciugava il sudore,
a fine giornata, era inzuppato.
 
Nell’altra tasca c’era il coltello,
per appuntire o abbellire un vetusto,
per tagliare il pane a colazione,
per infilare una salsiccia ai carboni.
 
Una manica, ricordo che era strappata,
ai rovi di quella impervia via,
mamma l’aveva con cura rattoppata,
non di bell’aspetto quando papà l’indossava.
 
Ma questa giacca non doveva sembrare bella,
solo a mio padre doveva fare compagnia,
se pioveva, sul capo per ombrello,
con il vento, abbottonata per la via.
 
Ora stai da sola su questa spalliera,
chi ti indossava non è più con noi,
ora sei senza la polvere e sei più leggera,
e il ricordo mio è sempre più profondo

Iscriviti per rimanere informato

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!