fbpx

U cacciaturu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
U cacciaturu
 
U cacciaturu si risbiglia lla matina prìastu,
a maglia, a cammisa, i scarpi e llu quazunu
i sacchi chjini e cartucci numar’unu
e alla cartucciera e da currija u rìastu.
 
A schcuppetta conzèata supa u muschcu,
conza llu collèaru allu chèanu e pinna,
allu cùallu a sonagliera e du richièamu ntinna
e parti mpressa, derittu versu u vùaschcu.
 
Povarìallu chill’acìallu chi cci ncappa,
rannu o pittirillu, a d’illu u lli nni mporta
prima e stasira e dde fèari a scorta
è ffurtunèatu sudu chini sbrignu scappa.
 
Puru i cartucci a pallettoni è dde portèari,
a boti lli po scontèari n’èatru animèadu
nu rìapudu, na vurpa, nu cignèadu,
e cchini lli sconta, finisci dde campèari.
 
U ttena pietà e nenti e dde nullu u cacciaturu,
illu quann’è allu vuaschcu e dde sparèari
na pica, nu  frincillu; e ss’u lli ppo ppijèari,
spèara na padumma appoggèata a nnu muru!
 
U cacciaturu è nna persuna senza cori,
va ddicìanni ca doppi sparèatu e dde rìdari
ca ppe d’illu è godimentu potiri vìdari
nu pòvaru acelluzzu quanni mori.
 
Gesù Cristu ssa cosa ll’ha ffatta storta,
puru all’acìalli a schcuppetta avìa dde dèari
ppe ppotiri pur’illi allu cacciaturu sparèari
eccussì, s’apparèava lla morta!!
 
Il cacciatore
 
Il cacciatore si sveglia al mattino presto,
la maglia, la camicia, le scarpe e il pantalone
le tasche piene di cartucce numero uno
e alla cartucciera della cintura le altre.
 
Il fucile a tracollo sulla spalla,
aggiusta il collare al cane da caccia,
al collo le sonagli del richiamo tintinnano,
e parte veloce, dritto verso il bosco.
 
Poverino quell’uccello che gli capita,
grande o piccolo, a lui non gli importa
prima di stasera deve fare la scorta
è fortunato solo chi riesce a scappare.
 
Anche le cartucce a pallettoni deve portare,
a volte può incontrare qualche altro animale
una lepre, una volpe, un cinghiale,
e chi lo incontra finisce di vivere.
 
Non ha pietà di nessuno il cacciatore,
lui quando è nel bosco deve sparare,
una gazza, un fringuello; e se non li prende,
spara una farfalla poggiata a un muro!
 
Il cacciatore è una persona senza cuore,
va dicendo che dopo aver sparato deve ridere,
perché per lui è godimento poter vedere,
un povero uccellino quando muore.
 
Gesù Cristo tutto ciò non lo ha fatto giusto,
anche agli uccelli, il fucile doveva dare,
per poter anche loro al cacciatore sparare,
così si patteggiava la morte!!
Bata - Via Roma - Acri
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
Loading

Rispondi

error: Contenuto protetto!