fbpx

A ducerta

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
A ducerta
 
U vìarnu si nni sta rricota e rriparèata,
e d’acqua e du friddu e dda niva,
suttaterra si nni sta addormentata,
fina c’a bella stagiona unn’arriva.
 
Allu primu càvudu campìa ccu lla capuzza,
tutta ‘ntontita e assonnata,
u mìnimu strùsciu e già lli va lla puzza,
ci tena a d’arrivèari alla prossima vernèata.
 
U beni sua è cquanni s’assudicchia,
u muru muru, o supra na mita e digna,
movi lla cheapa e ccà e dde llà e arricchia,
si ti vida abbicinèari si nni sbrigna.
 
Ugne ttanti a vidi mmucca a nna gatta,
e ppe d’illa un c’è cchiù nn’èatra vernèata,
a furtuna sua a ssa vota è stèata spatta,
amèara chilla tinta assudicchièata.
 
Prega u Signuri amèata ducertella,
chi nascissi ccu ddua cudi, tutta nova,
eccussì si affurtunèata e bella,
e affurtunèatu è ppuru chi ti trova.
La lucertola
 
D’inverno se ne sta raccolta e riparata,
dall’acqua, dal freddo e dalla neve,
sotto terra se ne sta addormentata,
finchè la bella stagione non arriva.
 
Al primo caldo, appare la testolina,
tutta intontita e assonnata,
il minimo rumore e già sente il pericolo,
ci tiene ad arrivare al prossimo inverno.
 
Il suo divertimento è quando sta al sole,
lungo un muro o su una catasta di legna,
muove la testa di qua e di la e sta vigile,
se ti vede avvicinare se ne scappa.
 
Ogni tanto la vedi in bocca a un gatto,
e per lei non c’è più un altro inverno,
la sua fortuna questa volta è stata avversa,
peccato quell’ultima mera soleggiata.
 
Prega il Signore, amata lucertolina,
che possa nascere con due code, tutta nuova,
così sarai fortunata e bella,
e fortunato sarà anche chi ti trova.
Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!