fbpx

A poisia

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A poisia
 
A ddittu na vota nu fogliu a nna pinna,
“sign’iu u buanuvodutu e tutta la genti,
m’accatta jancu e scrittu mi vinna,
m’inchia dde gnostru ccu ffrèasi vadenti”.
 
“Intra d’antichi Padazzi signu arrappèatu,
a cchilli scanziji m’ho ripunutu,
chjinu de storia e dde vita passèata,
e ssi giùvani e mo signu dejutu”.
 
A pinna ha rrispusu “tìani ragiuna,
ma a bonavoduta un si tu ma sign’iu,
ca si ti trùavi ssa bonafurtuna,
è ppe llu gnostru chi ti dugn’iu”.
 
“Senza lu scrittu nun vèadi nenti,
si ccumi n’àrburu c’u pporta ffrutti,
iu mmeci signu intra a sacca e di genti,
ci scrìvini frèasi e di belli e ddi brutti”.
 
“Stàtivi cittu! siti dua fissa”!
ha ddittu l’animu alla pinna e allu fogliu
“Si iu nun cacciassa tu cchi scrivissa?
E tu senza gnostru fussa n’àrburu spogliu”.
L’animu detta e lla pinna lu scriva,
u fogliu s’ìnchia dde duci parodi,
a genti lu deja, fina chi viva,
e tutti li razzi e dde tutti li modi.
La poesia
 
Ha detto un giorno il foglio alla penna
“sono io il benvoluto di tutta la gente,
mi compra bianco, e scritto mi vende,
mi riempie d’inchiostro con frasi belle”
 
“Nei vecchi Palazzi sono invecchiato,
nelle librerie sono riposto,
pieno di storia e di vita passata,
dai giovani d’oggi sono letto”.
 
La penna ha risposto “Hai ragione,
ma la benvoluta non sei tu ma sono io,
perché se ti ritrovi fortunato,
è per l’inchiostro che ti do io”.
 
“Senza lo scritto non vali niente,
sei come un albero che non porta frutti,
io invece, sono nella tasca della gente,
ci scrivono frasi belle e frasi brutte”.
 
“State zitti! Siete due fessi”!
Ha detto l’animo alla penna e al foglio,
“Se io con dettassi tu cosa scriveresti?
E tu senza inchiostro saresti albero spoglio”.
 
L’animo detta e la penna lo scrive,
il foglio si riempie di dolci parole,
la gente lo legge, finché  vive,
in tutte le lingue e in tutti i modi.

Rispondi

error: Contenuto protetto!