fbpx

Un c’è cchiù nnenti

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Un c’è cchiù nnenti
 
Camignu ppe lli chèavi e ssu pajisi,
guardu chilli chèasi mo tutti vacanti
senza rasti e juri e senza panni stisi
i finestrhi senza dastrhi e trabarellanti.
 
I muri su tutti vìachji e stonachèati,
si vìdini i petri fravichèati ccu lla crita
a cchilli tìampi èrani disci e ppittèati
a cchilli tìampi quanni c’era lla vita.
 
Mi vìagnini mmenti tutti chilli genti,
si riuncìani a nnu scadunu assettèati
cuntàvani fatti e santi e dde penitenti
facìanni alli fìarri a maglia e di vernèati.
 
Tutt’i giuvanelli ricamavani u corredu,
e penzàvani all’amèatu ch’era partutu
n’èatru penzìaru jia allu jùarnu e du vedu
e cchillu tìampu mpressa s’i nn’è jjutu.
 
Si cci passèavi all’ura e du mangèari,
e ugne porta si sentìani chill’orduri
e chilli cucinèati cùatti alli focudèari
e llu profumu mpregnèavi chilli muri.
 
I siri e vìarnu e tutti chilli ciminìaji,
escìa llu fumu e di fùachi appiccèati
ti vìagnini mmenti e un ti scùardi meai
ca a nna rèasa e du cori su stipèati.
 
Mo un c’è cchiù nenti intra ssi cavarelli,
sudu ncunu gattu ugnettanti cci camina
a vita mo’ è alli chèasi moderni e belli
ma si passu e cca, allu coru c’è nna spina
Non c’è più niente
 
Cammino per i vicoli di questo paese,
guardo quelle case adesso tutte vuote
senza vasi di fiori e senza panni stesi
le finestre senza vetri e traballanti.
 
I muri sono tutti vecchi e stonacati,
se vedono le pietre murate con la creta
a quei tempi erano lisci e pitturati
a quei tempi in cui c’era la vita.
 
Mi vengono in mente tutte quelle persone,
si riunivamo su un gradino seduti
raccontavano fatti di santi e di penitenti
intrecciando ai ferri una maglia per l’inverno.
 
Tutte le giovinette ricamavano il corredo,
e pensavano all’amato che era partito
un altro pensiero andava al matrimonio
e quel tempo in fretta se n’è andato.
 
Se ci passavi all’ora di pranzo,
da ogni porta si percepivano gli odori
di quelle ricette cotti al caminetto
e il profumo impregnava quei muri.
 
Le sere d’inverno da tutti quei comignoli,
usciva il fumo dei fuochi accesi
vengono in mente e non li dimentichi mai
a un angolo del cuore sono conservati.
 
Ora non c’è più nulla in questi vicoli,
solo qualche gatto ogni tanto ci passa
la vita ora è alle case moderne e belle
ma se passo da qui, al cuore c’è una spina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!