fbpx

Aggiornamento Coronavirus: in Calabria contagi zero

Bata - Via Roma - Acri

Covid-19 Aggiornamento domenica 3 maggio

“Una bugia fa in tempo a compiere mezzo giro del mondo prima che la verità riesca a mettersi i pantaloni”

(Sir Winston Churchill)

Contagi zero

Il “liberi tutti” trasforma i comportamenti individuali e piega verso la decrescita persino la statistica dei contagi. Il direttore dela Dipartimento di Prevenzione dell’Asp, Mario Marino, annuncia con ottimismo: «Oggi abbiamo zero casi e il trend epidemiologico appare in calo». E poi: «non abbiamo più pazienti in Rianimazione e registriamo un aumento dei guariti in tutta la provincia». È come se l’ordinanza firmata da Jole Santelli fosse diventata una pozione magica fatta ingurgitare al “mostro invisibile” che ha terrorizzato tutta l’Alta Calabria negli ultimi 45 giorni. Eppure l’ultima vittima è di venerdì: era una donna, aveva 92 anni e viveva ad Oriolo, un comune ancora “zona rossa” posto lungo la fascia ionica del Cosentino. L’ottimismo, sostenuto dai numeri, rende pure meno spaventosa e triste “Villa Torano”, sede dell’ultimo focolaio che coinvolge più di cento persone sparse per l’intera Valle del Crati. Il fisico dell’Università della Calabria, Riccardo Barberi, dati alla mano non nasconde la fiducia nel futuro prossimo. «In Calabria» afferma «è stato superato il momento critico del massimo dei contagi. E ciò è avvenuto grazie alle pratiche di contenimento sociale». Come dargli torto? Due mesi di collettivo isolamento (scusate l’ossimoro) hanno dato i risultati sperati ed è innegabile. E se non ci fossero stati i casi delle Residenze per anziani di Chiaravalle e Torano l’emergenza Covid-19 sarebbe probabilmente finita prima. Rimane da capire quali saranno gli effetti dei giorni che verranno. Partendo da un dato che fa particolarmente impressione nella Calabria settentrionale: il numero degli asintomatici. In provincia di Cosenza sono ben 270. La domanda è: ce ne sono altri? Nessuno è in grado di dare una risposta. Qualcuno, intanto, grida al miracolo: il “contagio zero” coincide con i giorni nei quali si festeggia il Patrono della Calabria: San Francesco di Paola. Il Santo taumaturgo…

Tamponi a tutti quelli che rientrano

Si attendono migliaia di arrivi: ad oggi le prenotazioni online sono già a quota 1.500. L’ordinanza adottata dal presidente Santelli il 30 aprile impone la registrazione con 48 ore di anticipo e l’immediata messa in autoquarantena, sin dal momento dell’arrivo. Attraverso questo sistema, per come del resto già attualmente avviene, i sindaci saranno costantemente aggiornati della situazione dei rientri in riferimento ai territori di competenza, così da poter assumere ogni eventuale provvedimento utile. Contestualmente, gli operatori dell’Asl provvederanno, nei tempi tecnici strettamente necessari, all’effettuazione dei tamponi sui soggetti rientrati e postisi in isolamento domiciliare. La Regione conta così di assicurare tutela agli interessati, alle loro famiglie ed alla salute pubblica.

Un pensiero felice a tutti. Buona giornata. Coraggio. E… grazie.

Arcangelo Badolati

Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!