fbpx

Aleppo

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Aleppo
Ho ffinitu i dàcrimi e d’ùacchji,
sèani sudu cchi dè llu terrori
pittirilli, giùvani, viacchji,
èani vistu cumi si mori.
 
Aleppo, na vota era bella,
chjina e ghjiasiji e dde monumenti
mo ci su sudu sbarri e ccancella
jùarni e nnotti bombardamenti.
 
Povarìalli a d’Aleppo i quatrèari,
chjini e sangu i mèani e lli gammi,
s’ho scordèatu cumi jochèari,
ll’ho scucchièatu i pèatri e di mammi.
 
Guàrdani ‘nciadu e nnu bìdini stilli,
guàrdani ‘ncìadu e nnu bìdini u sudu,
vìdini sudu bummi e ffajilli,
vìdini genti sparèati e du vudu.
 
Pùrbara, cìnnara, ppe lli cùarbi è ffesta,
carni strazijèati e pòvara genti,
scìnnini a ppiccu supa chillu chi resta,
pizzudìjanni nun ci dàssani nenti.
 
Aleppo c’era, mò nun c’è cchiù nnenti,
è ssudu n’ammassu e chèasi sciollèati,
chini ci curpa, è genti fetenti,
e lla curpa è sudamenti e genti madèati.
 
Aleppo
 
Hanno finito le lacrime agli occhi,
sanno soltanto cos’è il terrore,
bambini, giovani, vecchi,
hanno visto come si muore.
 
Aleppo, un giorno era bella,
piena di chiese e di monumenti,
ora ci son solo barriere e cancelli,
giorno e notte bombardamenti.
 
Poverini ad Aleppo i bambini,
pieni di sangue le mani e le gambe,
si sono dimenticati di come si gioca,
gli hanno diviso i padri dalle madri.
 
Guardano in cielo e non vedono stelle,
guardano in cielo e non vedono il sole,
vedono solo bombe e scintille,
vedono gente sparata dall’alto.
 
Polvere, cenere, per i corvi è festa,
carne straziata di povera gente,
scendono a picco su ciò che resta,
beccando, non lasciano niente.
 
Aleppo c’era, ora non c’è più niente,
è solo un ammasso di case crollate,
chi ha la colpa, è gente fetente,
e la colpa e soltanto di gente malata.

Iscriviti per rimanere informato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!