fbpx

Acritanella

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Acritanella
 
Acritanella mia, fìmmina bella,
e ssu pajisu si nnu veru incantu,
quanni camini ppe cchilla cavarella,
accumpagnèata e du fischcu e ddu cantu.
 
Si ccarna tosta, a fatiga nun ti stanca,
si rrisorbuta, a famiglia tìani agghjunta,
ca ragiunèari u giustu, nun ti manca,
quattru jìdita e spertìanzia tìani ‘mprunta.
 
Acritanella bella, quanni tu camini,
t’annèachi tutta, gioiusa e spenzierèata;
a d’unu a d’unu s’affàcciani i vicini,
e gguàrdani ùacchji e fori a caminèata.
 
I tua bellizzi t’allùciani la fàccia,
assimiji allu cìadu e notti chjin’e stilli,
ugnedunu ppe lli viji ti duna ccàccia,
dassi n’orduru e rosi e dde mirtilli.
 
Acritanella bella, acritanella mia,
supa ssa terra sa dèari sudu amuru,
è affurtunèatu rannu, chini ti pija,
e ssi si eccussi, lla bodutu lu Signuru.
 

Acritanella
 
Acritanella mia, femmina bella,
di questo paese sei un vero incanto,
quando cammini per quel vicoletto,
accompagnata dal fischio e dal canto.
 
Sei carne dura, il lavoro non ti stanca,
sei risoluta, la famiglia tieni unita,
poiché di ragionare il giusto, non ti manca
quattro dita di intelligenza hai in fronte.
 
Acritanella bella, quando tu cammini,
ti muovi tutta, gioiosa e spensierata;
a uno a uno si affacciano i vicini,
e guardano, occhi all’infuori, la camminata.
 
La tua bellezza splende sul tuo viso,
sembri il cielo di notte, pieno di stelle,
ognuno per le vie ti fa la corte,
lasci un profumo di rose e di mirtilli.
 
Acritanella bella, acritanella mia,
su questa terra sai donare solo amore,
è fortunato tanto, chi ti sposa,
e se sei così, la voluto il Signore.




 
Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!