fbpx

Sta nnu vìacchiu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Sta nnu vìacchiu….
 
Sta nnu vìacchiu avant’a porta
assettèatu a nnu scadunu
ccu nna pippa tutta storta
fatta e ràdica e pirunu
 
Intra a menti scarbarìa
e quann’era giuvanottu
friddu e ffèama si patìa
tìampi tristi u quarantottu.
 
C’era troppi pezzentìa
si campèava a lla jurnèata
alla scoda un si ci jia
ccu nna mantra vìarnu e astèata.
 
Pu penzèava ccu lla menta
de quann’era ffattu zitu
alla chèasa e da cuntenta
pochi misi e già maritu.
 
E di figli chi su nnèati
c’a nnu nenti su ccrisciùti
fatti ziti e pu nzurèati
u righèadu e di niputi.
 
E d’a ss’urtimi lli cunta
tutta a vita scritta a ppinna
ccu lla vuci tremudanta
e nna dacrima lli scinna.
Sta un vecchio …
 
sta un vecchio davanti l’uscio
seduto a un gradino
con una pipa tutta contorta
fatta con radice di prugno.
 
Nella mente fruga
quando era giovanotto
freddo e fame si pativa
tempi tristi il quarantotto.
 
C’era troppa povertà
si campava alla giornata
a scuola non si andava
con una mandria d’inverno e d’estate.
 
Poi pensava con la mente
a quand’era fidanzato
a casa dell’amata
pochi mesi e già sposato.
 
Dei figli che sono nati
che in poco tempo sono cresciuti
fidanzati e poi sposati
il regalo dei nipoti.
 
E a quest’ultimi racconta
tutta la vita scritta a penna
con la voce tremante
e una lacrima gli scende.
 

Rispondi

error: Contenuto protetto!