fbpx

A nna stritta cavarella

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A nna stritta cavarella
 
A nna stritta cavarella,
c’è nna gioia e cheasicella
duvi cinquant’anni fa,
signu nèatu propiu lla.
 
Ugne ttanti ci vè passu,
e nna dàcrima ci dassu,
tanta è rranna a nustargia,
e chilla cheasicella mia.
 
Chilli mura stonachèati,
chilli porti scorchjidèati,
chilli vitri mìanzi rutti,
chilli ceramida strutti.
 
Papparoni i rèasi rèasi,
dua tuvagli ancora spèasi,
oramèai, pezzi diventeati,
ppe lli vìarni c’ho ppassèati.
 
Ugne ttanti all’intra vèaiu,
bellu tìampu, lla ci stèaiu,
guardu e ppìanzu a cchillu chèaru
cunzumèatu focudèaru.
 
Guardu e ppìanzu i mangiatelli,
cotti a cchilla pignatella,
pìanzu e ddicu “mamma mia!
cchi ttìampi tanni, arrassisìa”.
 
Assettéati attùarnu u fùacu,
ni ‘nventàvamu nu jùacu,
chilli siri, ppe ppassèari,
prima e jiri a nni curchèari.
 
E rregnèava l’armunìa,
a ssa cheasicella mia.
 
Guardu a càmmara e du dìattu,
u denzudu ancora nìattu,
i coscini, chjini e dèana,
na cuverta no cchiù ssèana.
 
Sutta u dìattu, u pisciaturu,
tanti contri u muru muru,
allu cìadu u catarattu,
ppe arrivèari alla suffitta.
 
“Oji tu, cheasicella mia!
cchi rricùardi tìagnu e tia”!
Na crisciutu ppe ttant’anni,
ni ci simu fatti ranni.
 
Iu, ccu ffràtima e lli sùari,
e ppe nnua, mèai tu mùari,
rìasti sempri a cheasicella,
e chilla stritta cavarella.
 
In una stretta viuzza
 
In una stretta viuzza,
c’è una ridente casetta
dove, cinquant’anni fa,
sono nato proprio la.
 
ogni tanto di la ci passo,
e una lacrima ci lascio,
tanta è grande la nostalgia
di quella casetta mia.
 
Quei muri stonacati,
quelle porte scorticate
quei vetri tutti rotti,
quelle tegole consumate.
 
Ragnatele da ogni parte,
due tovaglie ancora stese
ormai stracci diventate,
per gli inverni che han passato.
 
Ogni tanto dentro, vado,
molto tempo li ci sto
guardo e penso quel caro,
consumato focolare.
 
Guardo e penso le cenette,
cotti in quella pignatta
penso e dico “mamma mia”!
che tempi allora, Dio ce ne scansi”.
 
Seduti attorno al fuoco,
ci inventavamo un gioco
quelle sere, per poter passare
prima di andare a dormire.
 
E regnava l’armonia,
in quella casetta mia.
 
Guardo la camera da letto,
col lenzuolo ancora pulito,
i cuscini, pieni di lana,
una coperta non più intera,
 
sotto il letto, l’orinale,
tante macchie lungo il muro.
Alle travi, la cateratta,
per andare in soffitta,
 
“oh! tu, casetta mia!
Che ricordi ho di te”!
Ci hai cresciuto per tanti anni,
siamo diventati grandi
 
io con mio fratello e le sorelle,
e per noi, mai tu muori,
resti sempre la casetta,
di quella stretta viuzza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!