fbpx

Nu juarnu duv’a nonna

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino

Nu juarnu duv’a nonna
 
Unn’avia nenti e fèari, ed è penzèatu,
e jiri duv’a nonna a lla trovèari;
a viarella e chillu “Marullu” èaiu pijèatu,
e mmìanzu a lli ruvetti, ‘cignu a caminèari.
 
Alli mèani avìa nnu vettu, ppe lli cursuna,
a via era irtusa e sserbìa ppe m’appoggèari,
caminanni caminanni, era ffatta quèasi l’una,
n’èatru cozzarìallu e u ttricu a d’arrivèari.
 
Cum’era bella chilla cheasicella sudarina!
Tutta ‘ntùarnu ricamèata e nu prèatu jurutu,
jujjhèata e n’arijicella profumata e ffina,
èaiu apìartu chièanu a porta e ssignu trasutu.
 
Lle trovèata alla rèasa e du fùacu, assettèata,
alli trempi c’avìa dua rondelli e cipullizzi,
ca lli dodìa lla cheapa tutta a  matinèata;
i capilli, ll’avìa rricùati, attacchèati a ttrizzi.
 
Alli mèani chiusi, avìa lli Santi Patrinùasti,
tutti i doppimenzijùarni u Risariu illa dicìa,
chisà lli passèava llu doduru e chilli cùasti,
“Niputì! Signu tutta doduri” dicìa a mmia.
 
Cchi giojizza a d’ugn’e ssurcu e chilla faccia,
m’ha abbrazzèatu, m’ha ddunèatu nu vasunu,
chilli surchi, assimijavani fatti ccu lla gàccia,
c’era scritta a vita fatta, a d’ugnedunu.
 
Pu, tizzunijèava lla vrèascia a llu focudearu,
intra u fìarru ppe stirèari cci mintìa lli carbuni,
ccu nna vucìcchia morta, ncignèava a cantèari
e stirèava lli cammisi, i quazìatti e lli quazuna
 
Alla pignèata ugnettanti dèava n’adocchieata,
cci mintìa na cimuzza frisca e petrusinu,
provèava lla vozza ppe vìdari s’era ccucinèata
e ppijèava allu stipu a cannèata ccu llu vinu.
 
Pu è jjuta a ss’arripèari alla rèasa e da finestra,
ha mmisu na petra e sèadu intra u saziari,
e ll’ha mmacinèatu finu ppe lla minestra,
pasta e ccappucciu ccu lla vozza, cume d’ìari.
 
Cumi sapìa!! Mamma cchi ssapuru chi tenìa!!
Nu bellu piattunu curmu  mi nn’ha cchjinu,
ccu lla cannèata vicinu a mmia si ricoglìa,
e mm’inchjìa nnu bellu quartu e vinu.
Fori u dustru avìa ffattu postu alla mmrunèata
m’a accumpagnèatu ppe lla mèana menzavia,
ll’èaiu abbrazzèata forti e ll’è sadutèata,
“Statti bona nannarella mia”!!




















































Un giorno dalla nonna
 
Non avevo nulla da fare e ho pensato,
di andare dalla nonna, a trovarla;
la viuzza di quel “Marullo”* ho intrapreso,
e tra i rovi, inizio il mio cammino.
 
Alle mani avevo un bastone per i serpenti,
la via era irta e serviva per appoggio,
camminando, era fatta quasi l’una,
“Un’altra collina e sono quasi arrivato”.
 
Com’era bella quella casetta solitaria!
Tutto attorno il ricamo di un prato fiorito,
soffiata da un’arietta profumata e fine,
ho aperto piano la porta e sono entrato.
 
L’ho trovata all’angolo del camino seduta,
alle tempie aveva due fette di cipolline*
perché gli faceva male la testa dal mattino;
i capelli li aveva raccolti e intrecciati.
 
Alle mani chiuse aveva il Santo Rosario,
tutti i pomeriggi il Rosario lei diceva,
chissà, sarebbe passato il dolore delle costole,
“Nipote! Sono tutta dolori” mi diceva.
 
Che gioia, in ogni ruga di quel viso,
mi ha abbracciato, mi ha dato un bacio,
quelle rughe sembravano fatte con l’ascia,
c’era scritto la vita vissuta, a ognuna.
 
Poi stimolava la brace nel camino,
nel ferro da stiro, metteva i carboni,
con una vocina smorta iniziava un canto,
e stirava lecamice, le calze e i pantaloni.
 
Alla pignatta ogni tanto dava un’occhiata,
vi metteva dentro un rametto di prezzemolo,
assaggiava la “vozza”* per vedere se era cotta
e prendeva alla dispensa la cannata e il vino.
 
Poi è andata a poggiarsi alla finestra,
ha messo il sale grosso nel mortaio,
e l’ho ha macinato fino per la minestra;
pasta e verza con la vozza, come ieri.
 
Che bontà!! Mamma che sapore che aveva!!
Un bel piattone colmo me ne ha riempito,
con la cannata vicino a me è veniva,
e mi riempiva un bel quarto di vino.
Fuori il giorno aveva fatto posto alla sera,
mi ha dato la mano e accompagnato fuori,
l’ho abbracciata forte e l’ho salutata,
“Stammi bene nonnina mia”!!


































































Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!