fbpx

A vijìdia e Natèadu e chilli tìampi

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A vijìdia e Natèadu e chilli tìampi
 
A vijìdia e Natèadu e chilli tìampi passèati,
unn’era cumi a vijìdia e Natèadu e mò,
tanti usanzi e tanni a mmò suni cangèati,
mò a vijìdia e Ntèadu è ccumi Diu vò.
 
 A cchilli tìampi si priparàvani i pitanzi,
novi piatti, unu diversu e n’èatru
chill’orduri inchjìani chilli stanzi
ppe lla gioia e da mamma e ddu pèatru.
 
Pitanzi cucinèati allu fùacu ardenti,
a cchilla vrèascia e digni e schcantramèani,
pitanzi cucinèati ccu ppassioni e ssentimenti
ccu rrobba fatta alla chèasa, mangèari sèani.
 
Si mintìa nu tròccanu allu fùacu,
a conchetta appichèata alla camastra,
‘ncunu quatrèaru ll’annachèava ppe jjùacu,
tèata ci mintìa nu cavudu ppe lla minestra.
 
Pu priparèava lla cucuzza stufèata,
baccadà e dua razzi, vrùaccudi e rèapa fritti,
càvudi a ffiori, a pasta ammullichèata,
fagioda schcoccèata, patèati e di “Fravitti”.
 
A ttutti i chèasi regnèava n’armunìa,
ca chilla notti, era lla notti e du Bomminu,
si “respirèava” lla venuta ppe lla via,
si cangiàvani d’agùriji ccu llu vicinu.
 
A vijìdia e Natèadu e chilli tìampi passèati,
unn’era cumi a vijìdia e Natèadu e mò,
tanni, quanni alla tàvuda èrani tutti assettèati,
tèata appiccèava na cannida supa u cumò,
 
allu Santu Bomminu chi stèava ppe nnàsciari;
vasàvamu a mèana a tèata e a tèatu,
“Benaditti”!! “potìssiti in saduta crìsciari”!!
Rispunnìani ccu nnu fidillu e jèatu.
 
Alla fina e du mangèari e tuttu chillu beni,
si jìa ppe llu pajisu a bìdari i fùachi,
vìacchji, giùvani, guagliuni, fìmmini preni,
cchi ffesta bella! mmìanzu a ccanti e jjùachi.
 
Fina alla menzannotti; quanni tutti i campèani
e di ghjìasiji e tutti i rioni vicinu,
sonanni a ffesta abbìsavani i pajisèani
c’a nna grutta era nnèatu u Santu Bomminu.
a vijìdia e Natèadu e chilli tìampi passèati,
unn’era cumi a vijìdia e Natèadu e mò,
mo ci su lli ristoranti prenotati,
musica, canti e balli, fin’ac’quanni unu vò.
 
C’è lla sciampagna, ppe scìnnari u cavijèadi,
u vinu e quarant’euri a buttiglia,
e lla matina, tutti chi si sìantini mèadi,
pòvara vijìdia! Pòvara famiglia!
 
Ppecchì si sta pperdìanni ssa bella tradizioni?
ppecchì u tìampu passa e ccangia ttutti i cosi?
Su ccangèati i genti e ppuru li stagioni,
alli jardini un ci suni cchiù lli rosi.
 
Ma a curpa unn’è ddu tìampu chi passa,
a curpa unn’è ddu tìampu chi sbota,
a curpa è dda nostra, chi vodimu u progressu
e nni scordèamu a vijìdia e Natèadu e na vota
 
 





 
La vigilia di Natale di quei tempi
 
La vigilia di Natale di quei tempi passati,
non era come la vigilia di Natale di adesso,
tanti usi di allora, adesso sono cambiati,
adesso la vigilia di Natale è “come Dio vuole”
 
A quei tempi si preparavano le pietanze,
nove piatti, uno diverso dall’altro
quei profumi riempivano le stanze,
per la gioia della madre e del padre.
 
Pietanze cucinate al fuoco ardente,
su quella brace di legna di erica,
pietanze cucinate con passione e sentimento,
con ricette fatte in casa, cibi sani.
 
Si metteva un ceppo al fuoco,
la pentola appesa alla “camastra”,
qualche bimbo la cullava per gioco,
mamma ci metteva un cavolo per la minestra.
 
Poi preparava la zucca lessa,
baccalà di due tipi, broccoletti di rapa fritti,
cavolfiori, la pasta con la mollica,
faggiola a cocci, patate di “Fravitti”.
 
In tutte le case regnava l’armonia,
e quella notte, era la notte del Bambinello,
si “respirava” la nascita per la via,
si scambiavano gli auguri col vicino.
 
La vigilia di Natale di quei tempi passati,
non era come la vigilia di Natale di adesso,
allora, quando a tavola erano tutti seduti,
mamma accendeva una candela sul comò,
 
al Santo Bambinello che stava per nascere;
baciavamo la mano a mamma e papà,
Benedetti”!! “possiate in salute crescere”!!
Rispondevano con un leggero filo di voce.
 
Alla fine della cena di tutto quel bendidio,
si andava per il paese a vedere i fuochi,
vecchi, giovani, ragazzi, donne gravide,
che festa bella! In mezzo a canti e giochi.
 
Fino alla mezzanotte, quando tutte le campane
delle chiese di tutti i rioni vicino,
suonando a festa avvisavano i paesani
che in una grotta era nato il Santo Bambinello.
La vigilia di Natale di quei tempi passati,
non era come la vigilia di Natale di adesso,
adesso ci sono i ristoranti prenotati,
musica, canti e balli finché uno vuole.
 
C’è lo champagne, per “spingere” il caviale,
il vino di quaranta euro a bottiglia
e al mattino tutti che si sentono male,
povera vigilia! Povera famiglia!
 
Perché sta finendo questa bella tradizione?
Perché il tempo passa e cambia tutte le cose?
È cambiata la gente e anche le stagioni,
nei giardini non ci sono più le rose.
 
Ma la colpa non è del tempo che passa,
la colpa non è del tempo che svolta,
la colpa è nostra, che vogliamo il progresso
e dimentichiamo la vigilia di Natale di allora.









Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!